GIBUTI. Parigi finanzia le infrastrutture e approfondisce la sua influenza nel Golfo

55

L’Agenzia francese di sviluppo, Afd, ha concesso una sovvenzione di 12 milioni di dollari a Gibuti. Il finanziamento è destinato all’estensione della rete sanitaria nella capitale di questo paese del Corno d’Africa.

Si tratta di un altro segno del rafforzamento delle relazioni diplomatiche tra Gibuti e la Francia. Appena tre settimane dopo la visita del presidente Ismaïl Omar Guelleh all’Eliseo, Parigi ha accettato di finanziare lo sviluppo di questo paese del Corno d’Africa attraverso Afd: il braccio finanziario della diplomazia francese concede una sovvenzione di 12 milioni di euro per l’estensione della rete sanitaria della città di Gibuti, riporta Afrik21.

L’accordo di finanziamento è stato firmato il 4 marzo 2021 tra Ilyas Moussa Dawaleh, ministro dell’Economia e delle finanze di Gibuti incaricato dell’industria e Philippe Collignon, direttore dell’Afd a Gibuti. La cerimonia si è svolta in presenza di Mohamed Ahmed Awaleh, ministro dell’Agricoltura, dell’acqua, della pesca, del bestiame e delle risorse ittiche di Gibuti, Arnaud Guillois, ambasciatore di Francia presso la Repubblica di Gibuti e Mohamed Fouad Abdo, direttore generale dell’Ufficio nazionale dell’acqua e del risanamento di Gibuti, Onead.

Secondo Afd, questa nuova sovvenzione è la seconda tranche di un finanziamento iniziale assegnato nel 2019 in partenariato con l’Unione europea per la realizzazione del progetto di estensione e rafforzamento della rete fognaria di Gibuti. Onead attingerà al nuovo finanziamento dell’Afd per estendere la rete di servizi igienici collettivi nella capitale.

Queste strutture permetteranno di convogliare le acque reflue verso l’impianto di trattamento delle acque reflue di Douda, che ha una capacità di 3.700 m3 al giorno. L’impianto di trattamento delle acque reflue è stato costruito e messo in funzione nel 2014 da Stereau. Questa società francese ha anche gestito l’impianto fino al 2015 prima di trasferire le competenze a Onead. Le acque reflue trattate con il cloro sono convogliate nelle piantagioni, negli spazi verdi e negli orti di proprietà di Onead.

In questo modo, l’impianto di trattamento evita lo scarico degli effluenti nel fiume Douda, che sfocia direttamente nel Golfo di Aden collegando il Mar Rosso e il Mare Arabico attraverso lo stretto di Bab-el-Mandeb. Il progetto di estensione della rete fognaria collettiva della città di Gibuti «completa altri progetti già completati e in corso. L’obiettivo è di raggiungere un tasso di allacciamento del 60% a medio termine e dell’80% a lungo termine dopo il completamento di tutti i progetti previsti dal piano regolatore di risanamento, e di permettere il riutilizzo delle acque trattate per l’agricoltura», afferma Onead.

Secondo Afd, la gestione delle risorse idriche è una questione chiave in tutto il territorio di Gibuti che si trova in una zona arida. Lo Stato di Gibuti ha lanciato diversi anni fa una politica per migliorare l’approvvigionamento di acqua potabile. L’aumento del volume d’acqua disponibile a monte porta naturalmente a un maggiore utilizzo a livello delle famiglie, e il volume delle acque reflue a valle è logicamente moltiplicato di conseguenza.

Graziella Giangiulio