GIAPPONE. Rafforzato l’asse difensivo con Manila

57

Nel corso del primo viaggio di un premier nipponico nelle Filippine, la scorsa settimana, Fumio Kishida ha sostenuto che i due Paesi hanno ormai raggiunto l’“età dell’oro” delle relazioni bilaterali, nel contesto di una convergenza di interessi strategici senza precedenti.

Appena un anno dopo aver lanciato una nuova era nella “diplomazia del realismo” e aver promesso di raddoppiare la spesa per la difesa del Giappone come percentuale del suo prodotto interno lordo, Kishida ha visitato il Sud-est asiatico per rafforzare i legami di difesa con i partner più affini, riporta AF.

Già uno dei principali investitori e una delle principali destinazioni di esportazione per le Filippine, il Giappone sta ora perseguendo una più stretta cooperazione in materia di difesa con Manila.

Durante la sua visita, Kishida ha presentato un nuovo pacchetto di assistenza alla sicurezza evidenziato da un sistema di sorveglianza radar costiero. Si prevede inoltre che il Giappone fornisca più navi multiruolo alla Guardia costiera filippina come parte della fiorente cooperazione bilaterale in materia di sicurezza marittima.

Fondamentalmente, il Giappone sta anche perseguendo un accordo di accesso reciproco con le Filippine, che potrebbe gettare le basi per ampliati scambi di difesa bilaterali, comprese esercitazioni militari regolari e accesso parziale alle basi in futuro.

Kishida ha anche visitato la Malesia durante il suo viaggio nel sud-est asiatico, dove ha spinto per una “nuova visione di cooperazione” incentrata sul mantenimento di un ordine basato su regole nella regione.

Insieme a Filippine, Bangladesh e Fiji, la Malesia è stata selezionata tra i beneficiari del nuovo programma di assistenza ufficiale alla sicurezza del Giappone, con l’obiettivo di contrastare l’assertività navale della Cina.

Il cinese Global Times ha criticato la visita del leader giapponese definendola un “viaggio problematico” che offriva “pacchetti regalo” che contenevano principalmente “armi letali”. Questa non era la prima visita di Kishida nella regione. In quanto ex diplomatico di punta dell’ex primo ministro giapponese Shinzo Abe, aveva regolarmente visitato la regione nel contesto dei fiorenti legami strategici di Tokyo con il blocco dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico.

Negli ultimi dieci anni, Kishida è stata una delle figure centrali nella cooperazione strategica in costante espansione tra Giappone e Filippine, alla luce delle preoccupazioni condivise sulla Cina.

Sebbene Manila abbia vissuto drammatici cambiamenti nelle sue relazioni con gli Stati Uniti e la Cina sotto l’ex presidente filippino Rodrigo Duterte, il Giappone è riuscito a mantenere uno slancio positivo nelle sue relazioni con la nazione del sud-est asiatico.

Già Duterte aveva tranquillamente accolto l’espansione della cooperazione militare con il Giappone. L’anno scorso, i due paesi hanno tenuto il loro primo incontro “2+2”, che ha visto i principali membri del gabinetto di Duterte, il ministro degli Esteri Teodoro Locsin e il ministro della Difesa Delfin Lorenzana, volare a Tokyo per incontrare le loro controparti e “rafforzare la cooperazione in materia di difesa”.

Durante il suo ultimo tour nel sud-est asiatico, Kishida ha invitato i leader filippini e malesi a partecipare al vertice commemorativo per il 50° anno di amicizia e cooperazione Asean-Giappone a Tokyo il prossimo dicembre.

A parte il rafforzamento della difesa interna, il Giappone sta anche espandendo le sue reti di cooperazione militare all’estero, con particolare attenzione al Sud-Est asiatico: secondo i dati Iseas, il Giappone è in cima alla lista dei partner esterni preferiti dell’Asean; nelle Filippine, è visto come un alleato solido che ha fornito maggiori benefici economici rispetto a qualsiasi altra nazione e ora sta esplorando anche la cooperazione militare come mai prima d’ora.

Durante l’incontro con il presidente filippino Ferdinand Marcos, Kishida ha annunciato tutta una serie di nuovi accordi riguardanti il turismo, l’estrazione mineraria, l’ambiente, le risorse naturali e l’edilizia, perseguendo una partnership davvero globale.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/