ECOWAS. Fermare il contagio dei golpe militari

98

I leader dell’Africa occidentale hanno tenuto un summit di emergenza nella capitale ghanese Accra in risposta alla recente ondata di colpi di stato nella regione. I colloqui di giovedì sono stati avviati dopo che il Burkina Faso il 24 gennaio è diventato il terzo membro della Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale, Ecowas, formato da 15 nazioni, ad essere oggetto di un golpe militare. Il presidente del Burkina Faso, Roch Marc Christian Kabore, è stato deposto in mezzo alla rabbia diffusa per la sua gestione del contrasto ai gruppi armati.

Il Burkina Faso segue il Mali, riporta Al Jazeera, dove un colpo di stato nel settembre 2020 è stato seguito da un secondo nel maggio 2021, e la Guinea, dove il presidente eletto Alpha Conde è stato deposto lo scorso settembre. I colloqui di giovedì arrivano anche giorni dopo che il presidente della Guinea-Bissau, Umaro Sissoco Embalo, è sopravvissuto a un tentativo di colpo di stato.

I recenti disordini nella regione hanno alimentato i timori tra i paesi Ecowas che gli sforzi per guidare l’Africa occidentale verso la stabilità e la democrazia stiano fallendo.

Il presidente Ecowas, Nana Akufo-Addo, ha detto all’apertura del summit che il colpo di stato in Mali è stato “contagioso” e ha portato a successive prese di potere militari nella regione. «La tendenza “deve essere contenuta prima che devasti tutta la nostra regione», ha detto Akufo-Addo. «Questo vertice si concentrerà sulle minacce emergenti nella nostra regione che derivano dall’interferenza dei militari in Mali e dalla sua influenza contagiosa in Guinea e Burkina Faso», ha detto.

Molti paesi Ecowas sono preoccupati che i colpi di stato potrebbero ispirare azioni simili contro i loro governi. I rappresentanti Ecowas dovrebbero discutere la possibilità di imporre sanzioni al Burkina Faso, aggiungendo la decisione di sospendere Ouagadougou dal blocco. Anche l’Unione Africana ha sospeso il Burkina Faso dal suo Consiglio di Pace e Sicurezza.

Il blocco ha imposto sanzioni al Mali e alla Guinea per non aver ripristinato il governo civile dopo le prese di potere militari. Ulteriori misure hanno incluso la chiusura delle frontiere da parte dei membri dell’Ecowas, un embargo sul commercio e sulle transazioni finanziarie, nonché sanzioni mirate contro individui.

La riunione d’emergenza arriva dopo che una missione diplomatica del gruppo guidata dal ministro degli esteri del Ghana, Shirley Ayorkor Botchwey, ha incontrato lunedì a Ouagadougou i capi militari del Burkina.«Sembravano molto aperti ai suggerimenti e alle proposte che abbiamo fatto. Per noi è un buon segno», ha detto Botchwey dopo aver incontrato il tenente colonnello Paul-Henri Sandaogo Damiba e altri membri del governo militare. La delegazione ha incontrato il deposto presidente Kabore, che sembrava essere in “buona salute”, secondo Botchwey.

La delegazione è stata raggiunta dal rappresentante speciale delle Nazioni Unite per l’Africa occidentale e il Sahel, Unowas, Mahamat Saleh Annadif, che ha descritto uno “scambio molto franco”.

Lunedì scorso, il governo militare del Burkina Faso ha dichiarato di aver ripristinato la costituzione, che aveva rapidamente sospeso dopo il colpo di stato, e ha nominato Damiba come presidente e capo delle forze armate durante un periodo di transizione.

Damiba ha poi incontrato martedì i capi dei partiti politici, molti dei quali hanno detto di essere desiderosi di prendere parte al ripristino del governo civile. Anche se il governo militare si è impegnato a ristabilire “l’ordine costituzionale” entro un “tempo ragionevole”, rimangono incertezze sulla data delle elezioni.

Il Burkina Faso e il Mali sono alle prese con una rivolta quasi decennale di gruppi armati che ha causato migliaia di morti e costretto almeno un milione e mezzo di persone a lasciare le loro case. L’attrito politico tra l’Ecowas e i militari del Mali ha spinto Bamako più vicino alla Russia e messo in discussione la missione francese nel paese per combattere i gruppi armati.

Luigi Medici