COREA DEL NORD. Pyongyang blocca i lavoratori all’estero

211

Le autorità nordcoreane stanno esercitando una sorveglianza e controlli sempre più pesanti per prevenire le defezioni dei lavoratori nordcoreani che sono stati inviati all’estero. Secondo quanto riporta Daily NK, Pyongyang si preoccupa di potenziali defezioni, dato che i lavoratori sono costretti a prolungare i loro soggiorni all’estero a causa della prolungata chiusura dei confini della Corea del Nord.

Secondo Daily NK in Russia, le autorità nordcoreane hanno emesso un ordine durante una conferenza politica lo scorso sabato, chiedendo di intensificare i rapporti e i controlli sulle tendenze dei lavoratori. Alla conferenza hanno partecipato i quadri incaricati di gestire i lavoratori nordcoreani in Russia, compresi i capi dei posti di lavoro, i funzionari responsabili, i segretari di partito e gli ufficiali di guida della sicurezza.

Non ci saranno rotazioni di lavoratori per il momento, e che gli spostamenti dei lavoratori saranno estesi per un anno, anche per coloro che dovrebbero tornare a casa perché il loro visto è scaduto o perché sono stati impiegati all’estero per 10 anni, il periodo massimo consentito. La misura è dovuta agli sforzi di quarantena per bloccare il Covid-19, non alle sanzioni internazionali sulla Corea del Nord. Con la diffusione della variante Omicron, il rimpatrio dei lavoratori d’oltremare potrebbe portare al collasso immediato delle difese di quarantena della Corea del Nord.

Le autorità nordcoreane hanno anche prescritto politiche che rafforzano i controlli sui lavoratori per evitare che disertino mentre sono all’estero.

Nell’ordine, le autorità hanno chiesto una stretta sorveglianza e rapporti regolari su “lavoratori che di solito si lamentano molto, lavoratori con movimenti sospetti e lavoratori che vogliono abbandonare la Patria e fuggire” per evitare che le loro presunte mancanze “si trasformino in crimini reali”. L’ordine ha chiesto che le persone che “voltano le spalle alla Patria e cercano di fuggire” siano arrestate e rimpatriate in Corea del Nord in conformità con le “procedure di rimpatrio del ministero della Sicurezza di Stato”. Tra i lavoratori nordcoreani in Russia, “procedure di rimpatrio del Ministero della Sicurezza di Stato” significa rimpatriare coloro che tentano di disertare dopo essersi feriti le gambe così gravemente da non poter camminare da soli.

Le autorità nordcoreane hanno anche chiarito nell’ordine che non ridurranno i cosiddetti “fondi di fedeltà”, la quota assegnata che i lavoratori devono pagare allo stato. Questo ha essenzialmente rivelato il desiderio da parte delle autorità di assicurarsi i fondi del partito attraverso gli sforzi dei lavoratori per guadagnare valuta estera, anche se non ci sarà una rotazione dei lavoratori a causa del Covid-19.

I nordcoreani che attualmente lavorano nei campi di disboscamento e nei cantieri in Russia pagano ovunque da 4.500 a 10.000 dollari a persona all’anno in fondi di fedeltà.

Secondo Daily NK, le autorità nordcoreane hanno aumentato la quota del fondo di fedeltà di circa il 30-55%.

Molti lavoratori nordcoreani in Russia si lamentano di soffrire per il duro lavoro e le cattive condizioni di vita e apparentemente desiderano tornare in Corea del Nord, credendo che sia meglio tornare alle loro città d’origine dopo che i fondi di fedeltà che devono pagare sono saliti alle stelle.

Con le autorità nordcoreane che ordinano ai lavoratori di continuare a pagare l’aumento dei fondi di fedeltà, mentre annullano le rotazioni dei lavoratori per il momento, il malcontento da parte dei lavoratori nordcoreani in Russia è destinato a crescere. Tuttavia, i lavoratori dovranno probabilmente pensare a lungo prima di decidere di disertare di fronte alla stretta sorveglianza da parte delle autorità.

Antonio Albanese