COREA DEL NORD. Pyongyang esporta carbone in Cina e lavoratori in Russia

259

Secondo Daily NK, il 27 gennaio, le autorità nordcoreane avrebbero deciso che esportare carbone o inviare lavoratori all’estero siano i modi più efficaci per ottenere valuta estera, generando grandi quantità di denaro per il partito in un breve periodo di tempo.

La risoluzione 2397 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, adottata nel dicembre 2017, ha chiesto il rimpatrio di tutti i cittadini nordcoreani che lavoravano all’estero entro 24 mesi. Tuttavia, le autorità nordcoreane non hanno rimpatriato tutti i lavoratori che lavoravano in Cina e in Russia e recentemente hanno reclutato altri lavoratori da mandare all’estero.

Infatti, le autorità nordcoreane hanno iniziato a reclutare lavoratori da inviare in Russia dall’inizio di questo mese, a Pyongyang e in altre grandi città con l’obiettivo di inviare circa 10.000 lavoratori in Russia.

Per regione, Pyongyang ha prodotto il maggior numero di volontari finora, seguita dalle province di Pyongan, Hwanghae, Hamgyong e Gangwon. La provincia di Chagang non ha effettuato alcun reclutamento per proteggere la segretezza del gran numero di industrie militari situate nell’area.

Le autorità nordcoreane stanno controllando rigorosamente l’ingresso di cittadini nordcoreani d’oltremare e di stranieri in Corea del Nord a causa del Covid 19. Tuttavia, a quanto pare hanno elaborato il piano di inviare lavoratori all’estero perché credono che questo comporti meno rischi di portare il virus in Corea del Nord. Le questioni relative alle procedure di ingresso per i lavoratori sono già state risolte, perché il reclutamento segue una sorta di accordo con la Russia.

Nel frattempo, le autorità nordcoreane continuano a esportare illegalmente carbone in Cina dal porto di Nampo. Attualmente sono il modo più facile per ottenere valuta straniera.

Questo significa che anche se la risoluzione 2371 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, adottata nel luglio 2017, ha posto un divieto totale sulle esportazioni di carbone nordcoreano, le autorità nordcoreane stanno proseguendo con quest’attività. In particolare, con la domanda cinese di carbone che è cresciuta recentemente, gli interessi delle due nazioni sembrano coincidere.

Da quando la Cina ha sospeso le importazioni di carbone australiano a causa delle tensioni politiche con Canberra, Pechino ha apparentemente recuperato parte del deficit con il carbone nordcoreano.

Graziella Giangiulio