COREA DEL NORD. Attacco nucleare (finto) contro Seul

185

La Corea del Nord ha dichiarato lunedì 20 marzo di aver simulato un attacco nucleare contro la Corea del Sud con un lancio di missili balistici nel fine settimana, la sua quinta “dimostrazione missilistica” in questo mese per protestare contro le più grandi esercitazioni militari congiunte degli ultimi anni tra Stati Uniti e Corea del Sud.

Il leader del Nord, Kim Jong Un, ha dato istruzioni ai suoi militari di tenere altre esercitazioni per affinare la preparazione bellica delle sue forze nucleari di fronte all'”aggressione” dei suoi nemici, hanno riferito i media statali, ripresi da AP.

Le forze armate sudcoreane e giapponesi hanno rilevato il lancio del missile a corto raggio domenica 19 marzo nelle acque al largo della costa orientale del Nord, che sarebbe avvenuto meno di un’ora prima che gli Stati Uniti facessero volare bombardieri B-1B a lungo raggio per addestrarsi con gli aerei da guerra sudcoreani. Il Nord caratterizza le esercitazioni tra Stati Uniti e Corea del Sud come una prova di invasione, anche se gli alleati insistono sulla loro natura difensiva. Secondo alcuni esperti, il Nord usa le esercitazioni come pretesto per far avanzare i suoi programmi di armamento.

La Kcna ha dichiarato che il missile, che ha volato per circa 800 chilometri, era dotato di una finta testata nucleare. Ha descritto il test come un successo, affermando che l’ordigno è esploso come previsto a 800 metri dall’acqua in un punto che simulava un non meglio specificato “obiettivo nemico importante”, riaffermando presumibilmente l’affidabilità dei dispositivi di controllo dell’esplosione nucleare e dei detonatori della testata.

Il rapporto afferma che il lancio è stato la fase finale di un’esercitazione di due giorni che prevedeva anche esercizi di comando e controllo nucleare e l’addestramento delle unità militari a passare più rapidamente alla posizione di contrattacco nucleare, a gestire correttamente i sistemi di armi nucleari e a eseguire i piani di attacco.

L’esercitazione è stata anche un «avvertimento più forte» agli Stati Uniti e alla Corea del Sud, che «non nascondono il loro esplicito tentativo di scatenare una guerra» contro il Nord, ha dichiarato la Kcna.

Le foto pubblicate dai media statali hanno mostrato Kim che camminava in una foresta con la figlia e alti ufficiali militari e un missile che il Nord ha descritto come un sistema di armi nucleari tattiche che si librava dal bosco sputando fiamme e fumo.

Affermando che i suoi nemici stanno diventando «sempre più marcati nelle loro mosse di aggressione», Kim ha esposto non meglio precisati “compiti strategici” per sviluppare ulteriormente le sue forze nucleari e migliorarne la prontezza bellica, ha dichiarato la Kcna. Ciò indica che Pyongyang potrebbe alzare la posta in gioco nelle prossime settimane o mesi.

Le foto della Corea del Nord indicano che l’ultimo lancio è stato effettuato con un missile a combustibile solido apparentemente modellato sul sistema balistico mobile russo Iskander, che il Nord sta testando dal 2019. I missili sono costruiti per viaggiare a bassa quota ed essere manovrabili in volo, il che teoricamente aumenta le loro possibilità di eludere le difese missilistiche sudcoreane.

Sebbene questi missili siano stati lanciati per lo più da veicoli su ruote, la Corea del Nord li ha anche testati da vagoni ferroviari, da un sottomarino e da una piattaforma all’interno di un bacino idrico. Le foto dell’ultimo test suggeriscono che il missile potrebbe essere stato lanciato da un silo scavato nel terreno, evidenziando gli sforzi del Nord per diversificare le sue opzioni di lancio e rendere più difficile per gli avversari identificarle e contrastarle.

Il lancio, per Seul, è avvenuto in una regione montuosa nord-occidentale vicino a Tongchangri, che ospita un sito dove il Nord ha condotto lanci di razzi e satelliti a lungo raggio negli anni precedenti.

Il lancio a corto raggio di domenica è stato il quinto evento missilistico del Nord questo mese e il terzo da quando le forze armate statunitensi e sudcoreane hanno iniziato le esercitazioni congiunte il 13 marzo.

Finora, nel 2023, il Nord ha lanciato circa 20 missili in nove diversi eventi. Si tratta di missili a corto raggio lanciati da terra, missili da crociera lanciati da un sottomarino e due diversi missili balistici intercontinentali lanciati da un aeroporto vicino a Pyongyang, nel tentativo di dimostrare la doppia capacità di condurre attacchi nucleari contro la Corea del Sud e la terraferma statunitense.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/