CLIMA. Il cambiamento climatico uccide. È provato

41

L’ondata di calore che ha imperversato nel nord-ovest del Pacifico e sul Canada occidentale era virtualmente impossibile senza il cambiamento climatico causato dall’uomo, che ha aggiunto qualche grado in più alle temperature da record.

Un team internazionale di 27 scienziati ha calcolato che il cambiamento climatico ha aumentato le probabilità che il calore estremo si verificasse di almeno 150 volte, ma probabilmente molto di più, riporta Ap. Lo studio, non ancora sottoposto a peer review, ha detto che prima dell’era industriale, il caldo a tre cifre di fine giugno della regione era del tipo che non sarebbe successo nella civiltà umana. E anche nel mondo che si sta riscaldando oggi, prosegue, il calore è stato un evento che si verifica una volta in un millennio.

Ma un simile evento che si verificherebbe da solo una volta in un millennio si potrebbe verificare probabilmente ogni cinque o 10 anni una volta che il mondo si riscaldasse di altri 0,8 gradi, riporta lo studio del World Weather Attribution. Questo riscaldamento potrebbe avvenire tra 40 o 50 anni se l’inquinamento da carbonio continuerà al suo ritmo attuale.

Lo studio ha anche scoperto che nel nord-ovest del Pacifico e in Canada il cambiamento climatico è stato responsabile dell’aumento di circa 2 gradi che hanno portato allo shock termico. Quei pochi gradi fanno una grande differenza nella salute umana, si è scoperto che il cambiamento climatico può uccidere le persone, ci vorranno molti mesi prima che si possa calcolare il numero di morti per l’esplosione di calore di giugno, ma è probabile che siano centinaia o migliaia.

Il team di scienziati ha usato un metodo ben consolidato e credibile per cercare il ruolo del cambiamento climatico nel tempo estremo, secondo l’Accademia Nazionale delle Scienze. Hanno registrato le osservazioni di ciò che è successo e le hanno inserite in 21 modelli di computer e hanno eseguito numerose simulazioni. Hanno poi simulato un mondo senza gas serra dalla combustione di carbone, petrolio e gas naturale. La differenza tra i due scenari è la parte del cambiamento climatico.

Ciò che ha reso l’ondata di calore del nord-ovest così notevole è quanto più caldo è stato rispetto ai vecchi record e a ciò che i modelli climatici avevano previsto. Gli scienziati dicono che questo suggerisce che un qualche tipo di cambiamento climatico più grande potrebbe essere in atto, e in luoghi inaspettati.

Il team di World Weather Attribution in passato, ha trovato grandi effetti simili del cambiamento climatico in molte ondate di calore, comprese quelle in Europa e in Siberia.

Maddalena Ingroia