CINA. Università sgomberate dopo le proteste per le restrizioni Zero Covid

89

Le università cinesi hanno rimandato a casa gli studenti e la polizia si è dispiegata a Pechino e Shanghai per impedire altre proteste il 29 novembre, dopo che la folla infuriata per le severe restrizioni anti-virus ha chiesto al leader Xi Jinping di dimettersi nella più grande dimostrazione di dissenso pubblico degli ultimi decenni.

Le autorità hanno allentato alcuni controlli dopo le manifestazioni in almeno otto città della Cina continentale e a Hong Kong, ma hanno ribadito che si sarebbero attenute alla strategia “zero-COVID” che ha confinato milioni di persone nelle loro case per mesi e mesi. Le forze di sicurezza hanno arrestato un numero imprecisato di persone e intensificato la sorveglianza, riporta AP.

Con la polizia in forze, martedì non si sono avute notizie di proteste a Pechino, Shanghai o in altre grandi città della Cina continentale che hanno visto la folla radunarsi durante il fine settimana. Si è trattato delle proteste più diffuse da quando l’esercito ha represso il movimento di Piazza Tienanmen del 1989, guidato dagli studenti.

L’Università Tsinghua di Pechino, dove gli studenti hanno manifestato durante il fine settimana, e altre scuole della capitale e della provincia meridionale del Guangdong, ha rimandato gli studenti a casa. Le scuole hanno dichiarato di essere state protette dal COVID-19, ma la dispersione degli studenti in città lontane riduce anche la probabilità di altre manifestazioni. I leader cinesi sono diffidenti nei confronti delle università, che sono state focolai di attivismo politico.

Domenica, agli studenti della Tsinghua è stato detto che potevano tornare a casa prima del semestre. La scuola, che è l’alma mater di Xi, ha organizzato degli autobus per portarli alla stazione ferroviaria o all’aeroporto.

Nove dormitori della Tsinghua sono stati chiusi il 28 novembre dopo che alcuni studenti sono risultati positivi al COVID-19. Anche l’Università forestale di Pechino ha dichiarato che avrebbe organizzato il ritorno a casa degli studenti. Ha dichiarato che i suoi docenti e studenti sono risultati tutti negativi al virus.

Le università hanno dichiarato che le lezioni e gli esami finali si svolgeranno online.

Le autorità sperano di “disinnescare la situazione” sgomberando i campus. La polizia sembra aver cercato di non dare nell’occhio, forse per non attirare l’attenzione sulla portata delle proteste o per non incoraggiarne altre. Video e post sui social media cinesi riguardanti le proteste sono stati cancellati dal vasto apparato di censura online del partito al potere.

Non ci sono stati annunci di detenzioni, anche se i giornalisti hanno visto manifestanti portati via dalla polizia e i post sui social media dicevano che c’erano persone in custodia o scomparse.

La polizia ha avvertito alcuni manifestanti detenuti di non manifestare di nuovo. La tolleranza dell’opinione pubblica nei confronti delle onerose restrizioni della politica Zero Covid è venuta meno quando alcune persone confinate in patria hanno dichiarato di avere difficoltà ad accedere a cibo e medicine.

Il mese scorso il Partito Comunista Cinese aveva promesso di ridurre i disagi, ma l’aumento delle infezioni ha spinto le città a rafforzare i controlli. Le proteste del fine settimana sono state scatenate dalla rabbia per la morte di almeno 10 persone in un incendio nell’estremo ovest della Cina la scorsa settimana, che ha scatenato domande rabbiose online sul fatto che i vigili del fuoco o le vittime che cercavano di fuggire fossero bloccati dai controlli anti-virus.

Luigi Medici

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/