CINA. Hong Kong scoppia, e Macao si arricchisce

143

Macao ha festeggiato il 20 dicembre i venti anni da quando l’ex colonia portoghese è tornata sotto l’autorità cinese, con il presidente Xi Jinping, che ha elogiato l’hub orientale del gioco d’azzardo per il suo patriottismo, in netto contrasto con la protesta montante di Hong Kong. I festeggiamenti della giornata si sono concentrati sull’entrata carica di un nuovo leader della città che Xi ha descritto come un “capitolo brillante” del suo modello “un paese, due sistemi”.

Ho Iat-seng, riporta Asia Times, ha vinto quest’estate la corsa per diventare il nuovo amministratore delegato di Macao, posizione che viene scelta da un comitato di 400 membri fedeli a Pechino. Durante i tre giorni della sua visita, Xi ha colto la calma politica di Macau, tema che ha continuato nel discorso del 20 dicembre, quando ha presieduto la cerimonia di giuramento di Ho.

«Il senso della nazione e lo spirito patriottico hanno messo radici nel cuore dei giovani», ha detto Xi ai delegati, aggiungendo che la lealtà verso Pechino è stata la «ragione più importante» per il successo di Macao. Ha anche usato il suo discorso per mettere in guardia contro qualsiasi potenza straniera che prenda posizione su Hong Kong, sconvolta da sei mesi di enormi e sempre più violente proteste contro il governo di Pechino: «Non permetteremo assolutamente a nessuna forza straniera di interferire con gli affari di Hong Kong e di Macao», ha detto.

La Cina ha più volte descritto le proteste di Hong Kong come una rivoluzione originata da forze straniere volta a destabilizzare la Cina, rifiutando qualsiasi idea che i protestanti potessero avere legittime rimostranze politiche. Sia Hong Kong che Macao sono gestite secondo il modello “un paese, due sistemi”, che permette loro di mantenere alcune libertà come una magistratura indipendente, un mercato libero e una valuta separata.

Ma mentre Hong Kong è in preda al caos, Macao è diventata sempre più simile al resto della Cina. La città ha registrato poco dissenso ed è diventata enormemente ricca grazie al fatto di essere l’unico posto in Cina dove il gioco d’azzardo è permesso. La leadership cinese ha utilizzato l’anniversario del passaggio di consegne di Macao per mostrare i vantaggi della deferenza al governo autoritario.

Ho ha detto che le fortune di Macao sono cresciute in sintonia con l’enorme crescita economica della Cina. Negli ultimi due decenni, lo skyline e l’economia di Macao sono cambiati in modo incredibile, con i casinò scintillanti che rastrellano ogni settimana ciò che Las Vegas raccoglie in un mese.

Il suo Pil è salito da 6,4 miliardi di dollari nel 1999 a più di 55 miliardi di dollari, mentre il Pil pro capite è il terzo più alto al mondo dopo il Lussemburgo e la Svizzera, secondo il Fondo Monetario Internazionale, riporta Afp.

Tommaso dal Passo