BRASILE. Il Covid-19 travolge gli ospedali brasiliani

247

I nuovi casi di coronavirus stanno travolgendo gli ospedali, gli obitori e i cimiteri di tutto il Brasile, mentre il paese si avvicina a diventare uno dei punti caldi della pandemia. I medici di Rio de Janeiro e di almeno altre quattro grandi città hanno avvertito che il loro sistema ospedaliero è sull’orlo del collasso o è già troppo sovraccarico per prendere altri pazienti. Gli esperti sanitari prevedono che il numero di infezioni nel Paese, pari a 211 milioni di persone, sarà molto più alto di quanto riportato a causa di test insufficienti e ritardati.

Nel mezzo della crisi, riporta The New Daily, il governo del presidente Jair Bolsonaro è stato dilaniato dal dissenso interno. Il ministro della Giustizia Sergio Moro, famoso per la sua crociata contro la corruzione, si è dimesso lo scorso venerdì con l’accusa di interferenze politiche nella operazioni della polizia federale. Le dimissioni di Moro sono state motivate dalla destituzione del capo della polizia federale da parte di Bolsonaro.

Nel frattempo, Bolsonaro continua infatti a dire che il Covid-19 è una epidemia “minore” e che non sono necessarie le misure di distanza sociale per fermarla; dicendo che solo i brasiliani ad alto rischio dovrebbero essere isolati.

Finora il ministero della salute ha confermato quasi 53.000 casi di Covid-19 e più di 3.600 decessi.

Gli esperti hanno avvertito che, a causa dei miseri test, il numero reale di infezioni è di gran lunga superiore. E poiché l’elaborazione dei test può richiedere molto tempo, i numeri attuali riflettono in realtà i decessi avvenuti una o due settimane fa, ha denunciato la facoltà di medicina all’Università di San Paolo.

Gli scienziati dell’Università di San Paolo, dell’Università di Brasilia e di altre istituzioni affermano che il numero reale di persone infettate dal virus a partire da questa settimana è probabilmente compreso tra 587.000 e 1,1 milioni di persone. Il ministero della Salute ha detto in un rapporto all’inizio di questo mese che ha la capacità di testare 6.700 persone al giorno, una cifra ben lontana dai circa 40.000 di cui avrà bisogno quando il virus raggiungerà il suo picco.

Nello stato di Rio, tutti i sette ospedali pubblici attrezzati per il trattamento del Covid-19, tranne uno, sono pieni e possono accettare nuovi pazienti solo dopo che altri si sono guariti o sono morti, secondo l’ufficio stampa della segreteria sanitaria.

In precedenza, il presidente ha licenziato un ministro della Salute che aveva sostenuto misure anti-virus pesanti e lo ha sostituito con un sostenitore della riapertura dell’economia.

Lucia Giannini