INDONESIA. Nuovi incentivi per finanziare la nuova capitale Nusantara

184

Il Presidente Joko “Jokowi” Widodo ha approvato un nuovo regolamento che offre incentivi alle imprese che investono nella nuova capitale indonesiana, Nusantara, tra cui esenzioni fiscali fino a 30 anni e 95 anni di permessi per l’uso del territorio.

«Il regolamento governativo… delinea le vacanze fiscali, la super deduzione fiscale [e] altre agevolazioni di cui potrebbero godere gli investitori che vogliono investire [a] Nusantara», ha dichiarato Bambang Susantono, capo dell’Autorità per Nusantara, durante una visita a Nusantara, nella provincia indonesiana del Kalimantan orientale, sull’isola del Borneo.

Widodo ha firmato il regolamento sulle agevolazioni agli investimenti a Nusantara lunedì scorso, mentre Susantono ha annunciato il pacchetto di incentivi mercoledì.

Secondo il documento di 96 pagine, riporta Nikkei, le aziende locali e straniere possono beneficiare di un’esenzione del 100% dall’imposta sul reddito delle società se sono registrate come contribuenti in Indonesia e investono in diverse aree prioritarie di Nusantara. A seconda dei settori in cui investono e del momento in cui iniziano, le aziende possono ricevere esenzioni fiscali tra i 10 e i 30 anni.

La normativa offre anche esenzioni dall’imposta sul reddito delle persone fisiche per i dipendenti delle società con sede a Nusantara ed esenta dall’imposta sul valore aggiunto e dai dazi d’importazione gli articoli considerati essenziali per lo sviluppo della nuova capitale.

Inoltre, consente fino a 95 anni di permessi di utilizzo dei terreni per le aziende agricole e fino a 80 anni di permessi per gli edifici, compresi quelli utilizzati per scopi commerciali e residenziali.

L’Indonesia sta cercando di reperire l’80% dei 466 trilioni di rupie, pari a 30 miliardi di dollari, necessari per lo sviluppo di Nusantara da partenariati pubblico-privati e dal settore privato, mentre il bilancio statale coprirà il restante 20%.

Delle 100 lettere ricevute, 20 enti hanno stipulato accordi di non divulgazione con l’Autorità.

Il capo dell’Autorità, Susantono, ha detto che la Cina, in particolare, è interessata ad attività legate all’edilizia e alle energie rinnovabili. Ha aggiunto che anche la Corea del Sud, il Giappone e alcuni Paesi europei hanno manifestato interesse a investire in Nusantara.

Ha aggiunto che l’autorità sta progettando di creare una propria impresa per gestire il lato business-to-business degli investimenti, anche se finora non sono stati firmati accordi. Susantono ha detto che la legge sulla nuova capitale, approvata all’inizio del 2022, è in corso di modifica in Parlamento per dare all’autorità più potere nella gestione delle risorse legate a Nusantara, compresa la libertà di assumere più persone dal settore privato.

Il capo dell’autorità ha dichiarato che la legge dovrebbe garantire la continuità del progetto di trasferimento della capitale oltre l’ottobre 2024, quando un nuovo presidente giurerà dopo le elezioni previste per il febbraio dello stesso anno. Alcuni investitori hanno espresso il timore che il nuovo presidente indonesiano possa abbandonare il progetto. Widodo non può, per costituzione, ambire a un terzo mandato quinquennale.

Tuttavia, più che le elezioni, i noti ostacoli burocratici dell’Indonesia rimangono “una sfida fondamentale” per i potenziali investitori, che devono trattare con vari ministeri e altre istituzioni statali prima di poter effettivamente investire nel Paese.

«Non è chiaro come la nuova legge sui capitali affronterà questo problema», ha dichiarato Dinarto a Nikkei Asia. «Le agevolazioni fiscali recentemente introdotte sono un insieme di generosi incentivi… per fornire agli investitori e alle aziende una maggiore certezza», ma ha aggiunto: «Ci aspettiamo che [le aziende] esercitino cautela prima di decidere di investire nel nuovo capitale».

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/