BANGLADESH. In piena crisi economica, Dhaka compra petrolio russo

178

Il Bangladesh sta valutando un’offerta per importare petrolio russo a basso costo, nonostante le preoccupazioni di inimicarsi l’Occidente, mentre la nazione dell’Asia meridionale cerca di preservare le riserve di valuta estera in diminuzione e di sostenere la sua economia traballante.

Dhaka acquista principalmente petrolio dai Paesi del Medio Oriente nell’ambito di accordi a lungo termine tra agenzie governative. Ma con il petrolio che ora viene scambiato a circa 100 dollari al barile e l’aumento dei prezzi del carburante che sta creando caos sociale in Bangladesh, le condizioni di Mosca sembrano molto allettanti. I funzionari del Bangladesh, tuttavia, sono anche consapevoli del blocco globale della Russia dopo l’invasione dell’Ucraina sei mesi fa, riporta Nikkei.

La compagnia petrolifera russa Rosneft ha recentemente dichiarato che avrebbe permesso al Bangladesh di acquistare olio combustibile raffinato per 59 dollari al barile, inclusi i costi di spedizione. La Russia si è anche offerta di fornire al Bangladesh petrolio greggio, sebbene Dhaka non abbia la capacità di raffinarlo.

La scorsa settimana, un campione di olio combustibile russo ha raggiunto il porto bengalese di Chittagong. La Bangladesh Petroleum Corporation avrebbe dovuto effettuare dei controlli di qualità sul carburante.

La cooperazione tra Dhaka e Mosca potrebbe coinvolgere anche altri prodotti di base. Mercoledì scorso, l’ambasciatore russo in Bangladesh ha dichiarato ai giornalisti che erano in corso discussioni sul grano e sui fertilizzanti russi. Ha detto che le trattative per 300.000 tonnellate di grano e 100.000 tonnellate di fertilizzanti erano in fase avanzata.

Il primo Ministro del Bangladesh Sheikh Hasina, durante una riunione del consiglio economico del governo il 16 agosto, ha dato istruzioni ai funzionari dell’energia di rivedere la prospettiva di importare olio combustibile russo.

«A causa della guerra tra Russia e Ucraina, la gente sta soffrendo per l’aumento del prezzo globale del petrolio», secondo l’agenzia di stampa statale Bangladesh Sangbad Sangstha, il primo Ministro è stato citato dal ministro della Pianificazione M.A. Mannan: «Nella situazione attuale, l’India e altri Paesi stanno acquistando petrolio dalla Russia, quindi dobbiamo vedere se possiamo comprare. Per questo, dobbiamo trovare un modo».

Sebbene gli Stati Uniti e altri Paesi abbiano imposto sanzioni alla Russia a causa dell’invasione del suo vicino, l’impatto sul commercio petrolifero russo è stato “contenuto”, secondo un rapporto del 18 agosto di S&P Global Commodity Insights.

«Le esportazioni russe via mare di greggio e prodotti petroliferi hanno continuato a eludere la spinta delle sanzioni occidentali durante la prima metà di agosto», ha dichiarato S&P, superando i 6 milioni di barili al giorno «per la prima volta da quando hanno raggiunto il massimo post-pandemia in aprile», secondo i dati di monitoraggio delle petroliere. La Cina e l’India sono stati i principali destinatari, anche se l’Italia, la Turchia e i Paesi Bassi sono entrati nella lista in vista di restrizioni europee più severe che entreranno in vigore all’inizio del prossimo anno. Anche altre economie asiatiche hanno acquistato carburante russo.

In seguito alla direttiva di Hasina, è stato formato un comitato per esaminare le offerte russe, guidato da un direttore generale della Bpc, l’unico importatore di olio combustibile del Paese.

Resta aperto il problema dei pagamenti, alle banche russe è vietato l’uso del sistema internazionale Swift, c’è anche la questione della valuta da utilizzare; sia i dollari americani che i rubli russi scarseggiano in Bangladesh. Anche il trasporto marittimo potrebbe essere un problema, dal momento che la maggior parte delle compagnie più importanti ha smesso di fare scalo nei porti russi. I funzionari della Bpc hanno invitato i rappresentanti di Russnet a recarsi a Dhaka per discutere di questi problemi. Il Bangladesh potrebbe optare per l’acquisto di petrolio russo da terze parti come l’India.

Lo Sri Lanka è un’altra nazione dell’Asia meridionale, in difficoltà economiche, che ha guardato alla Russia per far fronte alla grave carenza di carburante e di forex. Anche il Myanmar ha dichiarato di voler acquistare gasolio dalla Russia.

All’inizio di agosto, le autorità hanno improvvisamente aumentato i prezzi del carburante di circa il 50%, non potendo più permettersi di sovvenzionare il bene a causa dell’aumento dei prezzi internazionali. La mossa ha contribuito ad aumentare i costi di trasporto e di altro tipo, alimentando probabilmente un’inflazione già superiore al 7%.

Le riserve di valuta estera, nel frattempo, sono scese a circa 39 miliardi di dollari dai 48 miliardi di un anno fa, a causa dell’aumento delle importazioni, del calo delle esportazioni e della diminuzione delle rimesse.

Lucia Giannini