VENEZUELA. Maduro ama la Turchia

415

Il presidente del Venezuela ha elogiato la storia, il popolo e la cultura della Turchia in una fiera internazionale del libro a Caracas, esprimendo il suo affetto per la Turchia: «Abbiamo conosciuto la Turchia e l’abbiamo amata», ha detto Nicolas Maduro «Ora posso dire che amo la Turchia. Amo la storia della Turchia, il suo popolo, la cultura, la bellezza e la diversità».

La Turchia è ospite d’onore alla XIV Fiera Internazionale del Libro del Venezuela, che ha aperto l’8 novembre e durerà fino al 18 novembre. Parlando alla cerimonia di apertura dell’evento, Maduro ha sottolineato che hanno invitato la Turchia alla fiera per presentare il popolo turco, la sua storia e la sua bellezza.

Visitando la Turchia a maggio, Maduro ha decantato le lodi della popolare serie televisiva turca Resurrection: Ertugrul, e più tardi ha visitato il set della serie a Istanbul, vestendosi da cavaliere antico. Il presidente venezuelano ha anche partecipato alla cerimonia di inaugurazione del secondo mandato del presidente Recep Tayyip Erdogan, lo scorso giugno, riporta Anadolu.

Nel padiglione turco della fiera, Maduro ha visto artisti che usavano la tecnica della  marmorizzazione turca, ebru, e ha assaggiato la cucina turca. Il ministro della cultura venezuelano Ernesto Villegas ha ringraziato la Turchia per aver partecipato alla fiera con centinaia di libri in turco, spagnolo e inglese. La Turchia sarà presente con molte attività culturali fino alla fine dell’evento, secondo l’Ambasciata di Turchia a Caracas.

Nel paese, nel frattempo, la produzione petrolifera è arrivata ad appena 1,197 milioni di barili al giorno a settembre, con un calo di 42.000 bpd rispetto al mese precedente; cifra ampiamente superata e si stima che la produzione possa scendere al di sotto di 1 mb/d. La carenza di carburante sta peggiorando, riporta Oilprice. 

La Pdvsa ha visto le sue raffinerie correre nel sottosuolo, e molte non sono operative o operano a livelli molto bassi. Sulla carta, le raffinerie possono trattare circa 1,3 milioni di barili al giorno, ma in realtà, molte hanno cessato le operazioni a causa di una combinazione di fattori, tra cui un guasto delle parti, una mancanza di approvvigionamento di petrolio con cui lavorare e nessuna risorsa finanziaria. Secondo Bloomberg, l’utilizzo delle raffinerie è sceso a circa il 17 per cento, dal 50 per cento nel 2016.

Graziella Giangiulio