Riprendono i processi contro i pirati in Kenya

36

La guerra contro la pirateria ha avuto un nuovo impulso dopo che una corte di Nairobi ha abolito una norma che bloccava i tribunali keniani dal processare i sospettati di pirateria.

Secondo questa decisione i tribunali keniani hanno autorità e giurisdizione di giudicare i casi di pirateria, senza tener conto del luogo in cui è avvenuto l reato e della nazionalità dei sospettati.

I tribunali del paese africano,  di rito anglosassone, non potevano più giudicare i casi di pirateria dopo che una corte aveva dichiarato la propria incompetenza in un caso contro dei pirati somali nel 2010. La decisione aveva sancito la non competenza delle corti keniane per mancanza di giurisdizione ed aveva ordinato la liberazione di tutti i sospetti.

Stando alla nuova decisione, la legge internazionale da ad ogni Stato l’autorità di processare un sospetto criminale ed essendo il Kenya paese firmatario di questi trattati, le corti keniane possiedono simili competenze.