Dushanbe: Maqsoud Ibrohimov in carcere

53

TAJIKISTAN – Dushanbe. 02/02/2015. La testata Asia-Plus  riferisce che ieri il leader dell’organizzazione Gioventù per la Rinascita del Tagikistan, Maqsoud Ibrohimov, è stato arrestato ed è attualmente detenuto in carcere a Dushanbe. A darne notizia il capo del dipartimento della Procura generale per la supervisione della polizia e l’Agenzia per il controllo della droga Rizo Khalifazoda il 30 gennaio in un conferenza stampa.

 

Secondo il Direttore contro Maqsoud Ibrohimov è stato avviato un procedimento penale ai sensi delle disposizioni di alcuni articoli del codice penale del Tagikistan. Gli investigatori del ministero dell’Interno stanno studiando il suo caso. «Ad oggi, 32 membri del Gruppo-24 (attualmente vietato farne parte in Tajikistan) sono stati arrestati e nove procedimenti penali sono stati avviati contro di loro» fanno sapere i rappresentanti dell’Ufficio del procuratore generale. In una dichiarazione rilasciata da “Gioventù per la Rinascita del Tagikistan”, si afferma che il leader dell’organizzazione, Maqsoud Ibrohimov, è stato rapito in Russia il 20 gennaio e illegalmente trasferito in Tagikistan. La “Gioventù per la Rinascita del Tagikistan” ha riferito che il suo leader Maqsoud Ibrohimov il 26 novembre 2014, è stato aggredito e raggiunto da un colpo di proiettile e una coltellata,  da soggetti non identificati a Mosca. Maqsoud Ibrohimov è anche membro del Consiglio della Coalizione dell’opposizione del “Nuovo Tajikistan.” Ibrohimov è stato stato inserito su una lista nera delle autorità tagike per l’organizzazione di manifestazioni di lavoratori migranti tagiki in varie città russe e ha chiesto più volte le dimissioni della dirigenza tagika.