PAKISTAN. Il cinema salva l’urbanistica

24

Le case native di due leggende di Bollywood devono essere salvate dal crollo in rovina nel nord del Pakistan. Questo è quanto i funzionari di Peshawar desiderano: acquistare, restaurare e farle diventare museo. In particolare parliamo delle case di di Raj Kapoor e Dilip Kumar, emigrati in India negli anni prima che il Pakistan fosse creato dall’India britannica nel 1947. A Darne notizia la BBC.

La città ha una storia culturale vibrante e una miriade di grandi star di Bollywood vi rintracciano le loro radici. Raj Kapoor e Dilip Kumar sono nati e cresciuti nella strada più antica e famosa di Peshawar, Qissa Khwani – o Street of Storytellers – per poi trasferirsi a Mumbai, dove sono diventati i protagonisti della loro generazione.

Una miriade di stelle di Bollywood attuali e precedenti, tra cui Shah Rukh Khan, hanno radici nella stessa zona della città vecchia di Peshawar.

Kapoor e Kumar hanno iniziato a recitare negli anni ’40 e sono diventati due delle più grandi star dell’industria cinematografica che alla fine sarebbe diventata Bollywood. Hanno anche recitato insieme in uno dei loro primi successi, Andaz, un film del 1949.

I ruoli da gentiluomo di Kumar e le buffonate di Kapoor hanno affascinato generazioni di spettatori. Mentre Kumar era conosciuto come il “re della tragedia”, spesso interpretando ruoli sobri e malinconici, Kapoor, soprannominato “lo showman”, era un attore gioioso, sfacciato, affascinante o pensieroso, qualunque fosse il ruolo richiesto.

Kapoor è morto nel 1988. Kumar, che ha 97 anni, vive a Mumbai con la moglie, l’attrice di Bollywood Saira Banu.

Le case Kapoor e Kumar sono ora entrambe nelle mani di proprietari privati. Non lontano si trova l’ex casa di famiglia dell’attuale superstar di Bollywood, Shah Rukh Khan. I funzionari dicono che il fatto che tre di queste grandi star e molte altre siano arrivate da questo piccolo angolo di Peshawar significa che la zona merita una sorta di museo di Bollywood.

Ed è esattamente quello che stanno progettando: vogliono trasformare i palazzi, entrambi di più di 100 anni fa, in musei che ospiteranno i cimeli dei rispettivi attori, tra cui Shah Rukh Khan.

Ci sarà anche una cineteca, e altri elementi che riflettono il legame di Peshawar con Bollywood.

Le due case hanno un forte bisogno di essere ristrutturate. L’ornata Kapoor haveli (villa) sta letteralmente cadendo a pezzi. Le sue finestre ad arco e i suoi balconi sporgenti lasciano ancora intravedere una perdita di grandezza. La facciata della casa, meno grande, dove è nato Dilip Kumar, è stretta in un vicolo e la casa stessa sembra malandata, con una volta costosi lavori di falegnameria sporca, crepata e coperta di ragnatele.

La Kapoor haveli fu costruita tra il 1918 e il 1922 dal nonno di Raj Kapoor, Deewan Basheswarnath. Era un poliziotto dell’India britannica, originario dell’odierna Faisalabad in Pakistan. Ma è stato inviato a Peshawar per molto tempo. Suo figlio, Prithviraj Kapoor, una delle prime grandi star del cinema hindi, ha iniziato la sua carriera nell’era del muto. A Peshawar, dove ha recitato in opere teatrali locali, ha avuto la sua pausa di recitazione, prima di trasferirsi a Bombay (ora Mumbai) alla fine degli anni Venti per arrivare sul grande schermo.

Graziella Giangiulio