Oltre 1500 arresti in etiopia

23

di Lucia Giannini ETIOPIA – Addis Abeba 23/10/2016. Le autorità etiopi hanno arrestato più di 1500 persone dal momento in cui è stato dichiarato lo stato di emergenza, meno di due settimane fa, secondo l’agenzia di stampa etiope Fana.

Il Posto di comando, organismo istituito dalle autorità per sorvegliare lo stato di emergenza, ha detto che 1120 persone sono state arrestate nelle città di Shashemene e Arsi occidentale, a sud di Addis Abeba, con accuse di violenza. Le città sono nella regione di etnia Oromo, che insieme con il Amhara hanno iniziato una protesta da quasi un anno contro un governo in gran parte costituito da tigrini di minoranza.

Altre 302 persone sono state arrestate nella città occidentale di Guji e 110 nella zona di Kelem Wolega. Secondo Fana, le autorità hanno sequestrato centinaia di armi.
Durante lo stato di emergenza i diplomatici stranieri non possono allontanarsi per più di 30 km da Addis Abeba, ed è illegale guardare stazioni televisive istituite dalle diaspora.