BALCANI. L’INTERPOL avrebbe accettato il Kosovo

256

Diamo spazio ad un monitoraggio su un’area molto vicina all’Italia e nostra dirimpettaia: l’area balcanica. Leggendo le testate dei diversi stati e i social media ad esse collegate, cercheremo di cogliere notizie trend e curiosità dell’altra parte dell’Adriatico. Suddividiamo in tre grandi aree le diverse notizie: Interni, Esteri, Economia.

Interni

SLOVENIA

Zoran Posnić è stato proposto dal partito SD come ministro per la Cultura; a breve è previsto un incontro con Sarec per la definizione e il successivo giuramento.

BOSNIA
Elevato il costo della giustizia in Bosnia, i giornali parlano di costi elevati per qualsiasi azione giudiziaria intrapresa in modo particolare per i divorzi, solo per ingaggiare un avvocato sono richieste 160 KM. 

ì
Sefik Dzaferovic, presidente della Federazione, ha incontrato l’ambasciatore USA Eric Nelson, rinnovata l’amicizia tra i due Paesi.

SERBIA
Incontro tra Aleksandar Vucic e il ministro per gli Affari europei francesi Natalie Loazo: secondo Vucic, qualcuno ha usato la tassa (il 100 per cento sui prodotti serbi in Kosovo), alludendo ad Haradinaj, sapendo che il dialogo era impossibile, in modo che nessuna soluzione potesse essere presa. Vucic ha dichiarato di avere avuto l’opportunità di parlare apertamente con Loazo di tutte le questioni importanti per le relazioni tra i due paesi, ma anche nella regione, Dal 25 febbraio sono ufficialmente di proprietà della Serbia, quattro MIG 29 acquistati in Bielorussia. Si tratta di mezzi usati. 

KOSOVO
Il Kosovo ha nuovamente chiesto di diventare membro dell’Organizzazione internazionale di polizia, l’Interpol, e la sua richiesta è già stata accettata da questa organizzazione, confermano i funzionari del governo del Kosovo. Il vice ministro degli Affari interni del Kosovo, Izmi Zeka, ha dichiarato a Radio Free Europe che il Kosovo ha presentato una richiesta di adesione all’Interpol il 31 gennaio di quest’anno. Sul piede di guerra scende l’opposizione in Kosovo nei confronti del governo. Si moltiplicano gli incontri tra il presidente del partito Vetevendosje, Albin Kurti, e il leader LDK Isa Mustafa per discutere una politica comune contro alcune azioni di governo.

ALBANIA
Secondo la commissione elettorale, le dimissioni dei 56 parlamentari dell’opposizione non sono accettabili, in base alla legge elettorale mancano le motivazioni del gesto.

MONTENEGRO
«Il governo tecnico, è l’unica cosa da negoziare in questo momento», ha detto il presidente del gruppo Atlas Dusko Knezevic. Milo Djukanovic farà di tutto per salvare il potere: «Si vede come un maestro, e non come uno tra gli altri», ha detto Knezevic in un comunicato inviato all’agenzia giornalistica Mina.

Politica Estera

SLOVENIA
Alda Ivo Vajgl, deputato europeo, per la Slovenia, non si candiderà più alle elezioni europee che si terranno il 26 maggio, si ritira a vita privata dopo due mandati consecutivi al Parlamento europeo.

CROAZIA
La libertà di movimento per i croati è la più grande conquista dell’UE, a dirlo Eurobarometro. Serie di interviste a cittadini croati che vivono all’estero, oggi è toccato a quelli che vivono in Irlanda, contenti dell’ospitalità di questo Paese e di quanto si guadagna. 

ALBANIA
Secondo il Mirror la mafia albanese controllerebbe il traffico di cocaina in Gran Bretagna.  

Redazione