Bahrain: CSM sancisce violenza sulle donne legale

158

BAHRAIN – Manama. 16/03/14. Stuprare la propria moglie, in Bahrain, non è reato. Lo ha stabilito il CSM locale. A darne notizia il Baharain news.

Secondo cui il Consiglio superiore della magistratura (CSM) l’11 marzo scorso ha suggerito che i mariti che si impongono sui loro mogli non dovrebbero essere perseguiti. Inoltre, ha detto, gli uomini che “ragionevolmente” disciplinano le loro mogli e figlie devono essere considerati al di sopra della legge.

Il Presidente del comitato per l’infanzia e la donna, Rabab Al Arrayedh del Consiglio della Shura ha detto che ignorerà e rifiuta il suggerimento Consiglio giudiziario supremo. Fonte Gulf Daily News.

«Nessuno può costringere una donna a fare sesso. Se fosse così, lei ha tutti i diritti di andare e chiedere il divorzio. Il CSM può solo dare raccomandazioni in quanto non sono legislatori», ha detto Rabab Al Arrayedh .

Le raccomandazioni sono state fatte dal Consiglio giudiziario supremo per garantire che la nuova legislazione in materia di disputa domestica non contraddice la Sharia. «Lo stupro è stupro, a prescindere da chi la vittima. C’è ancora una mancanza di comprensione in questa regione sui diritti delle donne in relazioni violente. L’ultima cosa che vogliamo è che un marito stupratore utilizzi la legge come uno scudo contro le accuse di stupro», il Gulf Daily News ha citato Batelco Care Centre for Family Violence Cases testa Sharifa Swar.

Ha aggiunto che le agenzie prematrimoniali dovrebbero come prima cosa aiutare le nuove coppie a capire il ruolo di ciascuno in un matrimonio.