L’Argentina brucia

68

ARGENTINA – Buenos Aires 28/12/2013. I blackout continuano in diversi quartieri della zona metropolitana di Buenos Aires, e nel paese, mentre le proteste aumentano: picchetti in autostrade, incendi dei distributori, tentativi di rapimenti dei funzionari delle compagnie elettriche, tanto per citarne alcuni.

Nel nord dell’Argentina, nella provincia di Santiago del Estero, si sono  registrati 47 gradi, due persone sono morte e nel centro di Buenos Aires, e alcuni ospedali hanno avvertito che nelle ore di punta dei consumi non possono garantire l’aria condizionata o anche alcune delle attrezzature di supporto comprese le banche del sangue. In altre zone l’energia manca da più di una settimana e la fornitura di acqua si sta esaurendo. Ma la situazione generale è che fino a quando l’ondata di caldo non finirà non c’è modo di garantire che non ci siano altri blackout. Tra quarantina e cinquanta zone del paese sono al collasso, il che significava molti argentini hanno trascorso il Natale senza energia o anche acqua.

L’Uruguay ha deviato tutta la sua capacità idroelettrica a favore dell’Argentina, ma non è stato sufficiente.

Tuttavia Edenor uno dei due distributori di energia principali di Buenos Aires ha detto che «abbiamo quasi tutti i clienti con l’elettricità», notizia poi respinta da una serie di interviste televisive.

Nella città di Cordoba, Argentina centrale, la società elettrica provinciale ha accusato clienti per i blackout sostenendo che le società «non può prevedere un aumento significativo della domanda» se i consumatori «non informano la società sul tipo di apparecchi elettrici che hanno in casa».

Il capo di Gabinetto del governo Jorge Capitanich è al lavoro per gestire la crisi dei due distributori Edenor e Edesur e ha insistito che la «”nazionalizzazione” delle concessioni di servizi di pubblica utilità» è una delle ” ipotesi di lavoro” del governo. Ministro per la Pianificazione federale Julio De Vido ha promesso che i residenti che hanno subito interruzioni di corrente dovranno essere indennizzati, assicurando che i fornitori di energia dovranno affrontare sanzioni finanziarie .

«Ogni azienda presenterà i propri dati e ci sarà un sistema di rimborso, una forma di compensazione economica indipendente da pene e multe per la società», ha detto De Vido.

Il ministro ha aggiunto che i blackout sono causati da problemi di distribuzione.