VENEZUELA. Più faida di partito che anticorruzione: Maduro epura i suoi

182

La nuova epurazione dei funzionari chavisti ha portato all’arresto per corruzione di 55 persone, senza specificare l’identità degli ultimi quattro arresti effettuati.

«67 mandati di arresto richiesti (55 arresti eseguiti, 12 persone scomparse per essere arrestate) e 142 perquisizioni effettuate a livello nazionale», ha dichiarato su Twitter il procuratore generale Tarek William Saab, riporta Infobae.

Si tratta, ha aggiunto, di azioni per sanzionare le “mafie” nel quadro dell’operazione anticorruzione denunciata dal governo di Maduro lo scorso marzo e che ha portato alle dimissioni del ministro del Petrolio, Tarek El Aissami, nonché alla revoca dell’immunità al deputato filogovernativo Hugbel Roa.

Gli arrestati potrebbero essere accusati di «appropriazione o distrazione di beni pubblici, estensione o uso di relazioni di influenza, riciclaggio di denaro e associazione, mentre i dipendenti pubblici dovranno affrontare anche accuse di tradimento», ha spiegato Saab.

Nicolás Maduro, ha chiesto alle autorità di punire in modo “esemplare” tutti i funzionari coinvolti in questi complotti, inclusi giudici, un ex governatore e dirigenti della compagnia petrolifera statale Pdvsa.

Allo stesso modo, diversi lavoratori della Sovrintendenza statale alle Criptovalute e più di una decina di imprenditori sono finiti dietro le sbarre o con mandati di arresto per presunti legami con questi eventi.

Saab ha rilasciato diverse dichiarazioni sullo stato di avanzamento di queste indagini senza specificare l’ammontare dell’appropriazione indebita, cifra che la Procura conta di presentare nei prossimi giorni.

Da parte sua, il presidente del partito di opposizione Alianza Lápiz, Antonio Ecarri , ha chiesto a Saab di rivelare l’ammontare di appropriazione indebita da parte dello Stato a causa di schemi di corruzione scoperti di recente in aziende pubbliche, compresa l’industria petrolifera.

«Questo Paese non può sapere da un gossip su Twitter quanti soldi sono stati rubati», ha detto l’opponente, citato in un comunicato stampa in cui chiede alla procura e anche a Maduro di precisare le perdite economiche generate da queste vicende che il regime ha iniziato a denunciare. lo scorso marzo.

Ha poi detto che il chavismo “cerca di banalizzare” questi casi, per i quali ha chiesto ai cittadini di esigere che vengano riportati i dettagli delle indagini che vengono svolte. Inoltre, ha sottolineato la necessità di creare un fondo con il quale restituire al pubblico il denaro rubato dai funzionari.

«È urgente creare un fondo per liquidare i beni sequestrati a causa della corruzione, al fine di restituire la qualità della vita agli insegnanti, al settore sanitario, alle pensioni e ai pensionati», ha poi proseguito.

Qualche giorno fa, alla domanda su una possibile indagine su Tarek El Aissami, ex ministro del Petrolio dimessosi a metà marzo a causa delle nuove denunce in Pdvsa, Saab ha detto di non voler fornire informazioni “su nessun nome in particolare”.

Nonostante la dittatura sostenga che questi arresti rispondono a una “lotta alla corruzione”, l’epurazione dei funzionari chavisti è dovuta a una feroce lotta intestina tra Maduro e El Aissami. Gran parte degli arrestati, infatti, sono funzionari vicini all’ex ministro del Petrolio.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/