USA. Wall Street sarà deregolato se Trump verrà eletto

38

In un secondo mandato alla Casa Bianca, Donald Trump cercherebbe di ridurre drasticamente il potere dei regolatori finanziari statunitensi, secondo un’analisi di documenti pubblici e interviste con persone alleate dell’ex presidente.

Sulla scia della peggiore crisi economica dai tempi della Grande Depressione, il Congresso ha notevolmente ampliato la supervisione del governo americano sul settore finanziario per evitare il ripetersi del tracollo bancario globale del 2008.

Stando a Reuters, Donald Trump probabilmente rinnoverebbe i suoi sforzi per ridimensionare tali riforme, se eletto, nonché per ridurre le protezioni per gli investitori e i mutuatari di piccola scala e consentire alle aziende di raccogliere fondi con meno controllo, secondo le interviste e le proposte di gruppi posizionati per influenzare una nuova amministrazione conservatrice. Reuters ha parlato, tra gli altri, con una dozzina di persone che hanno fornito consigli o sono state consultate da Trump o dai suoi alleati.

Il candidato in pectore del Partito Repubblicano non ha annunciato uno staff politico formale né rilasciato posizioni dettagliate su come regolerebbe Wall Street, a parte brevi video e frammenti nelle apparizioni in campagna elettorale.

Ma, riporta Reuters, una serie di esperti e alleati di Trump stanno proponendo riscritture normative, identificando personale potenziale e idee fluttuanti in TV, in editoriali e direttamente a Trump nel suo Mar-a-Lago Club a Palm Beach, in Florida.

Alcune delle idee nell’attuale orbita politica di Trump circolano da tempo nel dibattito economico conservatore. Tra queste figura la riduzione del Dodd-Frank Act, una serie di norme post-crisi finanziaria del 2008 intese a ridurre il rischio sistemico. Un’altra idea è quella di rendere più semplice per le aziende private la raccolta di capitali, aprendo così l’accesso a fondi e titoli privati meno trasparenti e più difficili da negoziare.

Idee politiche più recenti includono l’attacco agli investimenti e alle informative ambientali, sociali e di governance, che aiutano a selezionare le imprese sulla base di fattori socialmente consapevoli, o potenziali tagli drammatici al personale delle autorità di regolamentazione attraverso un meccanismo noto come Programma F, che riclassificherebbe fino a 50.000 funzionari pubblici in tutto il governo come incaricati politici facilmente sostituibili.

Escludendo gli effetti immediati della pandemia di coronavirus, i dati ufficiali mostrano che la disoccupazione è al livello più basso dagli anni ’60 sia sotto Trump che sotto Biden. Sebbene la pandemia e altre distorsioni possano rendere difficili i confronti, in termini al netto dell’inflazione, secondo i dati del Dipartimento del Commercio, l’economia statunitense è cresciuta più lentamente nei primi tre anni in carica di Trump (8,1%) che sotto Biden (10,6%).

Non è chiaro quali idee adotterà Trump e cosa può diventare una politica consolidata. Ma nel loro insieme, le idee promosse nei circoli conservatori ribalterebbero aspetti chiave dell’attuale regolamentazione finanziaria.

I cambiamenti invertirebbero riforme che vanno dalla protezione degli investitori alla gestione del rischio da parte delle banche più grandi. 

Trump ha ripetutamente affermato di volere una regolamentazione molto inferiore a quella esistente. 

La Heritage Foundation, l’influente think tank conservatore con sede a Washington, si è posizionata come centrale per far passare l’agenda a prescindere. I preparativi di Heritage, denominati “Progetto 2025”, includono un libro di oltre 900 pagine di idee politiche e un ampio database di personale pre-selezionato. Il gruppo ha redatto raccomandazioni politiche sin dall’era Reagan, ma l’ultima edizione include maggiori dettagli sulla regolamentazione finanziaria rispetto al 2016.

Anche l’America First Policy Institute è alla ricerca di influenza. Il gruppo ha scritto un programma politico di alto livello, e sta “elaborando piani orientati all’azione per ciascun dipartimento e agenzia federale” come parte del “Progetto America First Transition”.

Luigi Medici 

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/