Mongolia, 10 milioni di dollari per difendersi dalle radiazioni

44

MONGOLIA – Ulaanbaatar. 07/06/13. C’era anche una deltazione della Mongolia, accompagnata dal vice ministro per gli Affari Esteri della Mongolia D.Gankhuyag alla decima edizione della PSI, Proliferation Security Initiative tenutosi a Varsavia, in Polonia dal 27 al 29 maggio.
La PSI è uno sforzo globale che mira a fermare il traffico di armi di distruzione di massa, i loro sistemi di consegna, e dei relativi materiali da e per gli Stati e gli attori non statali di proliferazione.

L’obiettivo dichiarato della riunione era quello di preparare il terreno per attività PSI e sottolineare l’importanza politica del PSI attraverso quattro dichiarazioni congiunte sulle attività future, quali il rafforzamento delle attività delle organizzazioni nazionali, per ampliare le comunicazioni strategiche, a garantire iniziative attive, e sul rafforzamento della capacità e l’esperienza di fermare la proliferazione delle armi.
Tuttavia, per il PSI a svolgere il suo pieno potenziale e rimanere rilevante per altri 10 anni, avrà bisogno di più di dichiarazioni congiunte e nuove dichiarazioni.

Un certo numero di risoluzioni pertinenti sanzioni comprendono anche misure per controllare il trasferimento di armi convenzionali, volte a prevenire e limitare i conflitti armati. Le attività del PSI, e la collaborazione interstatale e la rete si è sviluppata, sono applicabili al trasferimento illecito di armi convenzionali in quanto sono alla proliferazione delle armi di distruzione di massa.

Secondo il rapporto della agenzia di stampa mongola, il vice FM D.Gankhuyag ha tenuto un discorso dedicato al 10 ° anniversario del PSI, dicendo che la Mongolia sostiene il PSI e collabora attivamente con i paesi in essa. Per esempio, la Mongolia ha stabilito un memorandum di cooperazione con gli Stati Uniti nel 2007, sulla prevenzione del commercio illegale di materiali nucleari e radioattivi. In conformità con la presente relazione, la parte statunitense ha fornito materiale apparecchiature di rilevamento radioattivo e nucleare che costa 10 milioni di dollari per la Mongolia.