#UKRAINERUSSIAWAR. I BRICS possono collegarsi allo SPFS interbancario russo

116

Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato mercoledì scorso che le banche dei Paesi Brics possono collegarsi liberamente al Sistema di trasferimento di messaggi finanziari, Spfs, l’alternativa russa a Swift.

Rivolgendosi a un forum d’affari dei Brics, Putin ha affermato che insieme ai suoi partner (Brasile, India, Cina e Sudafrica), Mosca sta sviluppando alternative affidabili per i pagamenti internazionali. «Il sistema russo per la trasmissione di messaggi finanziari è aperto al collegamento delle banche dei cinque Paesi», ha detto Putin, aggiungendo: «La geografia dell’uso del sistema di pagamento russo Mir si sta espandendo», riporta CsmTimes.

Il presidente russo ha anche sottolineato che si sta lavorando per creare una valuta di riserva internazionale basata su un paniere di valute dei Brics. Spfs, Система передачи финансовых сообщений (Sistema per il Trasferimento dei Messaggi Finanziari) ha funzionalità simili a Swift e consente la trasmissione di messaggi tra istituzioni finanziarie nello stesso formato. È stato creato dalla Banca di Russia come alternativa al sistema con sede in Belgio nel 2014, quando Mosca è stata colpita da sanzioni occidentali per il conflitto in Ucraina.

La prima transazione sulla rete Spfs che ha coinvolto un’impresa non bancaria è stata eseguita nel dicembre 2017, e il sistema era stato creato nel 2014 dopo la minaccia Usa di scollegare Mosca dallo Swift dopo la questione di Crimea.

Dal 2019 sono stati raggiunti molti accordi per collegare Spfs ai sistemi di pagamento di altri Paesi in Cina, India, Iran, oltre ai Paesi all’interno dell’Ueea che intendono utilizzarlo direttamente.

Alla fine del 2020, le banche straniere collegate a Spfs erano 23, provenienti da Armenia, Bielorussia, Germania, Kazakistan, Kirghizistan e Svizzera.

Il 17 marzo 2022, Anatoly Aksakov, presidente della commissione della Duma di Stato per il mercato finanziario, ha annunciato che la Banca di Russia e la Banca popolare cinese stavano lavorando per collegare i sistemi di messaggistica finanziaria russi e cinesi. Il 31 marzo 2022, l’Economic Times ha pubblicato la notizia che l’India aveva offerto alla Russia un nuovo sistema di transazioni con il trasferimento del commercio al rublo e all’Spfs, che funzionerà attraverso la Reserve Bank of India e la Vnesheconombank russa.

Ad aprile, il governatore della Banca centrale russa Elvira Nabiullina ha dichiarato che la maggior parte degli istituti di credito russi e 52 organizzazioni straniere di 12 Paesi avevano ricevuto l’accesso a Spfs e che il regolatore avrebbe mantenuto segreta l’identità dei membri del sistema di pagamento.

Anna Lotti