#UKRAINERUSSIAWAR. Botta e risposta tra Pentagono e Cremlino sulle armi spaziali. UE: useremo i fondi russi per l’Ucraina. Mosca: “È un reato”. Aumenta il controllo russo nell’area di Charkiv

127

Secondo il Portavoce del Pentagono: “Il 17 maggio la Russia ha lanciato un satellite in orbita bassa che riteniamo sia un’arma in grado di attaccare altri satelliti”. La Russia avrebbe posizionato un “nuovo tipo di arma spaziale” nella stessa orbita di un satellite del governo americano.

Il ministro della Difesa svedese, Pål Jonson, in un’intervista a Bloomberg: “I paesi della NATO avranno bisogno di un anno o due per armare completamente l’Ucraina”. Jonson ha invitato gli alleati occidentali a raddoppiare il volume degli acquisti, perché “la Russia si è ripresa più velocemente della comunità euro-atlantica”. “Mi aspetto che recupereremo il ritardo, ma penso che ci vorrà un anno o due prima di vedere sul terreno un effetto significativo”, ha detto.

Inoltre il Ministro riferisce che la Svezia ha già raddoppiato la spesa militare dal 2020 e prevede di destinare il 2,6% del PIL alla difesa entro il 2030. Jonson ha sottolineato che la Svezia ha aderito all’iniziativa tedesca per fornire a Kiev ulteriori sistemi di difesa aerea Patriot. Tuttavia, ha detto, il trasferimento di una delle quattro batterie alla Svezia causerebbe danni significativi alla sua stessa difesa.

La Risoluzione del Consiglio UE in materia di beni russi congelati afferma che non trasferirà i proventi dei beni congelati alla Russia anche dopo la fine delle sanzioni contro la Russia. “Non sono beni sovrani, pertanto, le norme che proteggono i beni sovrani non si applicano a questi redditi”, si legge nel documento. Sembra che l’Europa abbia intenzione di utilizzare i profitti per la difesa dell’Ucraina, il suo restauro e la ricostruzione.

Questo causerà all’Europa un danno economico, finanziario, e di immagine notevole. Le aziende private straniere non avranno più fiducia nella finanza europea e inoltre la Russia farà la sua contro mossa. Ricordiamo che finanziariamente il mercato globale e collegato e gli investimenti russi sono stati accolti con favore da diversi paesi europei che pagheranno il prezzo più alto: regione balcanica, Italia, Portogallo, Spagna, Germania, Grecia in prima fila. 

A rispondere al Consiglio UE il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov: “Anche la possibilità ridotta di ritirare i fondi russi sotto forma di reddito da beni nell’Unione europea costituisce un esproprio, che comporterà delle conseguenze. La Federazione Russa continua a valutare il ritiro dei fondi nell’UE e fornirà una risposta”.

Secondo Volodomyr Zelensky, la Russia ha accumulato 10mila missili per il sistema di difesa aerea S-300, questo le dà un vantaggio. “L’uso quotidiano delle bombe è il loro grande vantaggio. Utilizzo dei sistemi S-300: hanno accumulato 10mila missili S-300. Diecimila sono ancora una volta il loro vantaggio”, ha detto il presidente dell’Ucraina in un’intervista al New York Times.

In merito al vertice in Svizzera, Zelensky ha detto: “L’Ucraina non vuole invitare la Russia al “vertice di pace” in Svizzera per non interrompere il processo” a Reuters. Secondo Zelensky, nella fase successiva sarà “attratta” tramite intermediari. “Loro (la parte russa) stanno bloccando tutto, distruggendo tutto, non si calmeranno finché non mostreranno l’uno o l’altro piano per porre fine alla guerra, che sarà un ultimatum – come abbiamo visto molte volte”, ha detto Zelenskyj.

Secondo Zelensky, l’idea è quella di “sviluppare una posizione comune dei paesi sulle tre questioni chiave in discussione, e poi informarne la Russia. Questi tre punti sono: “sicurezza nucleare, sicurezza della navigazione nel Mar Nero e nel Mar d’Azov, così come il ritorno dei bambini ucraini e lo scambio del ‘tutti per tutti’”. E ha chiosato: “Se tutti i paesi sostengono, svilupperanno una tecnica passo dopo passo piano passo avanti e poi presentarlo alla Russia… E poi dovrà rispondere alla maggioranza mondiale”, ha spiegato Zelensky.

Secondo il consigliere del capo dell’ufficio del presidente dell’Ucraina Mychajlo Mychajlovyč Podoljak  a Bild: “I russi non hanno l’obiettivo di catturare Kharkov, vogliono distruggerla”. “Il loro obiettivo è avvicinarsi a Charkiv. Ma non catturarla, ma spararle con bombe guidate, missili balistici e artiglieria. Per fare questo, devono arrivare a 20-30 km da Charkiv città e seminare il panico, ma la situazione è sotto controllo”, ha detto Podolyak.

Dalla Russia a rilasciare dichiarazioni nella giornata del 22 maggio il Vice Ministro degli Esteri della Federazione Russa Sergei Ryabkov che ha risposto agli Stati Uniti in materia di Spazio e ha parlato dei BRICS: “La Federazione Russa sta monitorando attentamente la situazione dei test nucleari statunitensi in Nevada”. “La Federazione Russa ha inviato inviti al Consiglio dei ministri dei BRICS, partendo dal fatto che saranno rappresentati tutti i partecipanti dei “dieci”; “Un numero impressionante di stati tra gli amici del gruppo ha ricevuto un invito al Consiglio ministeriale dei BRICS; La Federazione Russa esporrà e mostrerà al mondo la disinformazione statunitense sul tema del presunto dispiegamento di armi da parte della Russia nello spazio; La Federazione Russa tiene conto nella sua pianificazione militare di ulteriori piani statunitensi sul tema dei test nucleari”.


Ed ora uno sguardo alla linea del fronte aggiornata alle ore 16:00 del 22 maggio

Secondo la social sfera russa: “Negli ultimi giorni il gruppo russo ‘Nord’ è riuscito ad espandere la linea del fronte; si sta già estendendo alla parte orientale della regione di Charkiv”. Riportando le parole del capo dell’amministrazione russa della regione, Vitaly Ganchev. “In totale quasi 300 chilometri quadrati del territorio della regione sono sotto il controllo delle forze russe”.

Secondo altra fonte: nella notte del 21 maggio per tre ore, le forze armate russe hanno effettuato attacchi con l’UAV Geranium su obiettivi ucraini nelle regioni di Odessa e Mykolaïv. Sono state segnalate esplosioni vicino a Zatoka, nel distretto di Belgorod-Dnestrovsky e a Ochakov. Continua la creazione di una zona cuscinetto nella regione di Charkiv. Le truppe russe stanno avanzando in direzione del villaggio Lyptsi con combattimenti. Lyptsi e Vovčans’k. Vengono costantemente colpiti da armi pesanti in line sono reperibili diversi video di prigionieri ucraini.

Nella direzione di Severskij Donec sono state ampiamente diffuse le riprese degli attacchi dei sistemi di lanciafiamme russi su Bilohorivka. 

Vicino alla periferia orientale di Časiv Jar, le forze armate russe stanno espandendo la loro zona di controllo, incidendo negativamente sullo sviluppo. A sud, a Klishchiivka, le forze armate russe utilizzano carri armati dotati di “super griglie” per lanciare gruppi d’assalto. È apparso un nuovo video che mostra l’installazione della bandiera nel villaggio di Klishchiivka. 

Sul fianco meridionale della direzione Pokrovs’k (a ovest di Avdiivka), è completato l’assalto da parte russa alla parte occidentale di Netailove. È stato riferito che le unità ucraine si stavano ritirando verso Karlivka. Le forze armate russe stanno attaccando le posizioni delle forze armate ucraine a sud dell’insediamento.

Le forze armate russe avanzarono verso Paraskoviivka da Novomykhailivka. La bandiera russa è installata nella parte occidentale di Paraskoviivka. 

In direzione di Cherson, le forze armate ucraine hanno utilizzato l’MBEC con missili installati. Dopo aver colpito da una distanza di almeno 5 km, il drone navale ha abbandonato l’area. La situazione indica un aumento delle minacce alle strutture russe lungo tutta la costa del Mar Nero. Nella pianura alluvionale del fiume sul Dnepr i gruppi russi continuano ad operare sulle isole; la costa ucraina viene colpita sempre più spesso con munizioni a guida di precisione, distruggendo le postazioni degli operatori UAV. Sono confermate le informazioni sul trasferimento di alcune unità del Corpo dei Marines delle forze armate ucraine nella direzione di Charkiv, dove i marines ucraini stanno ricevendo unità di mobilitati. 

Nella regione di Belgorod, gli attacchi delle forze armate ucraine sono caduti su Dolgoye, distretto urbano di Valuysky, n.p. Novaya Tavolzhanka, Krasnoe, Voznesenovka, Rzhevka e Murom del distretto urbano di Shebekinsky. Shebekino è stato bombardato. Un’auto è stata attaccata sulla strada tra l’insediamento Ustinka e Yasnye Zori, distretto di Belgorod, una donna è rimasta ferita. 

Vicino a un posto di blocco nel villaggio di Oktyabrsky, nella regione di Belgorod, un drone kamikaze ha attaccato un’auto in movimento, uccidendo una donna e ferendo tre uomini. Nel distretto di Borisov nell’insediamento Zozuli, a seguito della caduta di un ordigno esplosivo, le finestre di due case sono state rotte. Un altro drone è caduto vicino a un edificio residenziale ed è esploso. All’uscita dal villaggio di Gruzskoye è caduto ed è esploso anche un drone kamikaze. Durante la giornata sono stati abbattuti diversi UAV di tipo aereo delle forze armate ucraine.

Nella regione di Bryansk, due droni kamikaze hanno attaccato i veicoli di un’azienda agricola nel distretto municipale di Starodub: non ci sono state vittime; 

A seguito degli attacchi ucraini su Donetsk, un civile è morto e quattro sono rimasti feriti.

Graziella Giangiulio

Per la versione inglese dell’articolo, cliccare qui – To read the english version, click here
Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/