UCRAINA. Si è prosciugato il flussi di aiuti per Kiev

150

Il flusso di nuovi aiuti internazionali per l’Ucraina si è “prosciugato” completamente a luglio, secondo l’Istituto di Kiel per l’economia mondiale, che ha monitorato le donazioni. Non ci sono state nuove promesse di aiuti da parte di grandi membri dell’Ue come Germania, Francia o Italia, ha dichiarato l’istituto nel suo ultimo comunicato del 18 agosto.

«L’ultimo aggiornamento dell’Ukraine Support Tracker (dal 2 luglio al 3 agosto) mostra che a luglio l’Ucraina ha ricevuto solo circa 1,5 miliardi di euro di nuovi impegni di sostegno. (…) A luglio i Paesi donatori non hanno avviato quasi nessun nuovo aiuto, ma hanno consegnato alcuni degli aiuti già impegnati, come i sistemi d’arma», riporta BneIntellinews.

La Germania, ad esempio, non ha annunciato ulteriori aiuti militari, anche se ha inviato notevoli aiuti militari già impegnati in precedenza. Questo è il primo mese dall’inizio della guerra, poco più di sei mesi fa, in cui l’Ucraina non ha ricevuto nuovi impegni di aiuto, né militare né finanziario.

Dopo che la Russia ha distrutto tutte le fabbriche di produzione di munizioni dell’Ucraina e molte infrastrutture critiche di supporto nei primi giorni della guerra, l’Ucraina è diventata completamente dipendente dall’Occidente per le forniture.

Finora ha ricevuto 84,2 miliardi di euro in aiuti di ogni tipo, compresi quelli finanziari, tra metà gennaio e inizio agosto. Di questi aiuti, secondo un recente rapporto, l’Ucraina ha ricevuto un totale di 12,7 miliardi di dollari di aiuti finanziari per sostenere la spesa di bilancio e gli Stati Uniti hanno recentemente promesso altri 4,5 miliardi di dollari, dato che l’Ucraina sta esaurendo i fondi. L’Ue ha dichiarato che corrisponderà con altri 9 miliardi di euro di aiuti finanziari, di cui 1 miliardo è già stato erogato.

La mancanza di denaro e di nuove munizioni ostacolerà gli sforzi di Kiev per organizzare una controffensiva, in particolare l’attuale operazione per riprendere il controllo di Kherson, a nord della Crimea. La Russia ha fortificato la città, l’unica che detiene a ovest del fiume Dnieper, con le truppe provenienti dal Donbas.

A Kherson ci sono circa 20-30 battaglioni, mentre a giugno la Russia ha preso Mariupol con soli 11 battaglioni. Kyiv ha riferito di aver conquistato più di 1.000 villaggi intorno alla città, ma dopo più di un mese di campagna non ha fatto alcun progresso nella riconquista della città stessa. Anzi il fronte è in stallo nelle controffensive degli ucraini.

Kyiv dipende interamente dalle forniture occidentali, ma sta esaurendo rapidamente quelle che le sono state fornite. Gli Stati Uniti hanno recentemente fornito a Kiev un nuovo lotto di razzi per i suoi devastanti sistemi di artiglieria ad alta mobilità M142 (HIMARS), che avrebbe dovuto durare un mese, ma che, secondo quanto riferito, è stato esaurito in soli tre giorni.

Secondo il tracker, gli Stati Uniti rimangono molto più avanti rispetto agli altri donatori dell’Ucraina, avendo inviato più di 40 miliardi di euro in assistenza tra metà gennaio e inizio agosto. Gli Stati membri dell’Ue si sono impegnati collettivamente per meno di 30 miliardi di euro e altri Paesi come il Canada per altri 10 miliardi di euro nello stesso periodo.

Gli Stati Uniti sono in testa agli aiuti militari, avendo inviato 2,06 miliardi di euro di armi consegnate su un totale di 8,63 miliardi di euro promessi. La Polonia e il Regno Unito sono gli unici altri due Paesi ad aver promesso o consegnato più di 1 miliardo di euro di armi o finanziamenti per futuri acquisti di armi. (grafico)

L’Estonia è in testa agli impegni in termini di quota del Pil, con poco meno dell’1%, seguita da Lettonia, Polonia e Lituania.

Lucia Giannini