TURCHIA. Erdogan ha artigliato il petrolio libico

75

Il Presidente Tayyip Erdogan ha promesso giovedì di aumentare il sostegno della Turchia al suo alleato in Libia per bloccare i recenti guadagni militari, e ha promesso l’esplorazione congiunta per il petrolio in mare dopo i colloqui di Ankara in vista di un potenziale cessate il fuoco.

Fayez al Serraj, leader del Governo di Accordo Nazionale (Gna), riconosciuto a livello internazionale, ha incontrato Erdogan per i colloqui, ore dopo che le sue forze – sostenute dalla Turchia – hanno dichiarato di aver riacquistato il pieno controllo della capitale Tripoli.

La Turchia ha dato il suo sostegno alla Gna a novembre, dopo aver firmato un patto di cooperazione militare insieme a un accordo di demarcazione marittima, che conferisce ad Ankara diritti di esplorazione nel Mediterraneo orientale che la Grecia e altri paesi rifiutano.

L’intervento della Turchia nel conflitto ha respinto l’Esercito Nazionale Libico (LNA) di Khalifa Haftar, con sede nella parte orientale del paese – sostenuto da Emirati Arabi Uniti, Russia ed Egitto – che ha attaccato la Gna a Tripoli dall’aprile 2019.

L’ultima avanzata della Gna potrebbe accelerare i passi verso una potenziale tregua, sottolineando la crescente influenza della Turchia nella regione ricca di risorse in cui Erdogan ha pochi alleati stretti.

Il sostegno della Turchia alla Gna “continuerà sempre più”, ha detto Erdogan insieme a Serraj, aggiungendo che Hafter e i suoi sostenitori “saranno giudicati dalla storia”. Una soluzione può avvenire solo sotto l’egida delle Nazioni Unite, ha detto.

“Il nostro obiettivo è quello di espandere la nostra cooperazione includendo le operazioni di esplorazione e di trivellazione per sfruttare le risorse naturali nel Mediterraneo orientale”, compreso il territorio libico, ha aggiunto Erdogan.

Lunedì, le Nazioni Unite hanno detto che entrambe le parti hanno accettato di riprendere i colloqui per il cessate il fuoco e hanno avvertito che le armi e i combattenti in volo verso la Libia minacciavano una nuova escalation.

Diversi sforzi di pace in Libia sono crollati o si sono bloccati da quando sono iniziati gli scontri nel 2014.

La visita di Serraj in Turchia è arrivata dopo settimane di guadagni del Gna che hanno sconvolto il conflitto e hanno allontanato Haftar dalla sua posizione nel nord-ovest. Un alto funzionario turco ha detto che i progressi erano critici prima di qualsiasi trattativa di tregua.

“Il territorio che si detiene rafforza le posizioni a tavola”, ha detto il funzionario. Erdogan ha detto che Haftar non aveva “nessuna capacità di rappresentanza” per negoziare quella che dovrebbe essere una soluzione “legittima ed equa”.

In un turbine di diplomazia, il vice di Serraj era a Mosca e Haftar era in Egitto questa settimana. Un secondo funzionario turco ha detto che Ankara si aspettava che i sostenitori di Haftar contribuissero ai colloqui politici.

Una maggiore presenza in Libia darebbe alla Turchia un posizionamento strategico vicino all’Egitto, con il quale i legami sono tesi.

Servirebbe anche come ulteriore punto d’appoggio nel Mediterraneo, dove la Turchia è stata in disaccordo con diversi Stati vicini. Grecia e Cipro hanno definito illegale l’accordo marittimo dell’anno scorso con Serraj, un’accusa che Ankara ha negato.

I piani della Turchia per quella che Erdogan ha definito “nuova cooperazione sugli accordi marittimi” con il Gna potrebbero alimentare questi attriti. Il leader turco ha anche detto che alle forze “putschiste” di Haftar non sarà più permesso di vendere illegalmente il petrolio della Libia.

Atene dice che l’accordo marittimo di Ankara viola la piattaforma continentale di Creta. La Turchia – che è stata criticata anche da Israele e dall’Unione Europea – dice che l’accordo rispetta il diritto internazionale e rifiuta la nozione di isole che possono avere tali piattaforme.

La Turchia ha detto che potrebbe iniziare le esplorazioni e le trivellazioni nel Mediterraneo orientale nell’ambito dell’accordo Gna entro tre o quattro mesi.

Lucia Giannini