TRANSNISTRIA. Si consolida lo strapotere di Sheriff Holding

263

Il partito Obnovlenie (Rinnovamento), creato e finanziato dall’influente gruppo imprenditoriale locale Sheriff Holding, si è assicurato 29 dei seggi nel parlamento della Repubblica moldava separatista della Transnistria alle elezioni generali del 29 novembre scorso. Questo dà al partito una schiacciante maggioranza nel nuovo parlamento della Transnistria, che è stato ridotto a 33 deputati.

Il gruppo è stato fondato nel 1993 da Viktor Gušan e Il’ja Kazmaly, due ex appartenenti ai servizi segreti. Nella sua dirigenza ci sono i figli dell’ex presidente Igor Smirnov. Il gruppo è accusato di utilizzare le diverse attività per riciclare denaro sporco.

Dato che anche il presidente della Transnistria Vadim Krasnoselski, eletto nel 2016, è salito al potere con il sostegno politico, finanziario e mediatico di Sheriff Holding, ora la Holding controlla tutti i rami del potere. Sheriff Holding dovrebbe esercitare un alto grado di controllo anche sui tribunali della Transnistria, riporta BneIntellinews.

Inoltre, i quattro nuovi deputati che non sono membri dell’Obnovlenie sono legati al partito, riporta Kommersant: tra i quattro ci sono tre uomini d’affari che hanno relazioni economiche con la holding e un politologo, anch’egli vicino a Sheriff Holding.

Oltre a sostenere Obnovlenie, la holding è un gruppo diversificato con attività in numerosi settori nella piccola repubblica non riconosciuta. Tra questi, una catena di supermercati, una catena di stazioni di servizio, un canale televisivo, una casa editrice e lo stadio che ospita la squadra di calcio dell’Fc Sheriff Tiraspol.

I membri del partito Obnovlenie facevano parte della maggioranza parlamentare locale, ma ora il partito in effetti controlla tutti i seggi in parlamento. Il risultato è stato raggiunto con un’affluenza alle urne di appena il 27,79%.cioè 114.000 dei 412.000 elettori registrati, riporta l’agenzia di stampa statale NovostiPmr.

Gli oppositori di Obnovlenie dicono che il voto è stato truccato, e che i candidati rivali sono stati bloccati.

L’esito delle elezioni non è stato una coincidenza, ma il risultato di un accurato processo di manipolazione del voto, ha affermato il direttore della Scuola di Studi Politici di Tiraspol, Anatoli Dirun, a Kommersant. Dirun ha tentato di candidarsi per un seggio in Parlamento ma è stato ostacolato. «I candidati alternativi sono stati respinti in fase di registrazione», ha detto Dirun.

«Alcuni non hanno raggiunto le elezioni perché è stato loro consigliato di non candidarsi. Altri, come me, sono arrivati, ma improvvisamente si è scoperto che le firme erano state presentate in modo errato», ha detto Dirun a Kommersant.

Alla fine, si è creata una situazione in cui in 23 delle 33 circoscrizioni elettorali, i candidati hanno corso senza alcun rivale.

I funzionari dicono che l’affluenza è stata bassa perché la gente è rimasta a casa per evitare il rischio di contagio. Tuttavia, l’opposizione è convinta che la bassissima affluenza alle urne, senza precedenti, si possa spiegare proprio con l’eliminazione dei candidati dell’opposizione.

Anna Lotti