SVEZIA. Ankara e Stoccolma divise dalla lotta al narcotraffico

246

Materiale di intelligence altamente riservato condiviso dalle autorità svedesi con l’intelligence turca per la cattura di Rawa Majid, la “volpe curda”, è stato scoperto sul cellulare di uno dei membri della banda di Majid. La notizia sta appesantendo le già forti tensioni tra Ankara e Stoccolma. Majid è un criminale svedese di origine irachena.

Stando al quotidiano svedese Aftonbladet, che cita fonti della polizia, Majid è ricercato in Svezia con l’accusa di traffico di droga e tentato omicidio. La polizia svedese ha scoperto che i membri della banda di Majid hanno avuto accesso ai documenti nel 2022. Secondo le fonti del quotidiano, le informazioni erano state condivise ai massimi livelli.

Nel 2022, Majid ha chiesto assistenza presso una stazione di polizia nella città di Marmaris, nella provincia turca di Mugla, sulla costa mediterranea, dopo aver lasciato una borsa contenente una notevole quantità di banconote in valuta estera e in lire turche in un parco.

Le sue azioni alla stazione di polizia hanno sollevato sospetti. Dopo aver scoperto la vera identità di Majid, che aveva assunto l’identità di un armatore iracheno, la polizia turca ha scoperto che nei suoi confronti era stato emesso un avviso di colore rosso. Ciò ha comportato il suo arresto, riporta BneIntelliNews. Successivamente, la Turchia ha respinto la richiesta di estradizione della Svezia e Majid è stato rilasciato poche settimane dopo.

È stato anche rivelato che a Majid era stata concessa la cittadinanza turca; successivamente, secondo media turchi Majid avrebbe ora una casa e un ufficio a Istanbul.

Non sarebbe questo il primo caso. A luglio scorso, secondo il Bruxelles Times, la Turchia si era rifiutata di estradare Sani al Murdaa, nato in Bosnia, e il suo complice albanese Fljamur Sinanaj, ricercati in Belgio per traffico di droga attraverso il porto di Anversa, poiché hanno la cittadinanza turca.

Nel 2022, la Turchia ha respinto una richiesta di estradizione dai Paesi Bassi per Jos Leijdekkers, detto ”Bolle Jos” o “Chunky Boss”, accusato di trasportare tonnellate di cocaina attraverso i porti di Rotterdam e Anversa.

Sembrerebbe che alcuni dei criminali più ricercati d’Europa riescano a evitare l’arresto pur ottenendo la cittadinanza turca, utilizzando la pratica turca di acquistare la cittadinanza, sfruttando al tempo stesso la decisione del paese di rifiutare le richieste di estradizione per i cittadini naturalizzati di recente.

Nel 2018, il governo turco ha lanciato il programma “Golden Passport” che garantisce la cittadinanza in cambio dell’acquisto di un immobile del valore minimo di 0,4 milioni di dollari. Un sistema che viene difinito dagli osservatori no strumento utile per fare cassa in maniera rapida senza chiedere l’origine del denaro.

Nel 2022, gli afflussi di valuta estera non identificati verso la Turchia sotto il conto degli “errori e omissioni netti” della bilancia dei pagamenti (BdP) del paese hanno raggiunto la cifra record di 27 miliardi di dollari.

Nel 2021, la Financial Action Task Force ha inserito la Turchia nella sua lista grigia. Nel 2023 ha deciso di mantenere tale status per il Paese.

L’aumento record dei sequestri di cocaina effettuati dalla polizia turca dal 2017 dimostra infatti che le bande criminali, sotto pressione per sviluppare una nuova via di transito a causa dei pesanti sequestri nei paesi europei, sono passate a una rotta attraverso la Turchia, ha affermato il dipartimento antidroga turco nel suo rapporto sulla droga del 2020.

Secondo il Rapporto globale sulla cocaina 2023 pubblicato dall’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine, il ruolo della Turchia come paese di transito della cocaina è cresciuto negli ultimi anni.

Dal 2014, la quantità di droga sequestrata nel Paese è aumentata di sette volte, raggiungendo la cifra record di 2,8 tonnellate nel 2021. Parte della cocaina che raggiunge la Turchia arriva dopo essere transitata attraverso l’Africa occidentale. Alcuni provengono direttamente dall’America Latina.

Dalla Turchia, la cocaina in uscita scorre verso ovest attraverso il Mar Nero e i Balcani, una rotta tradizionalmente associata al traffico di oppiacei e al contrabbando di sigarette.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/