Rwanda, due vip in carcere con l’accusa di terrorismo

62

RWANDA – Kigali. 17/04/14. Si trova in carcere il direttore della testata confessionale”Amazing Grace” Cassian Ntamuhanga, scomparso dal 7 aprile.

Egli è accusato di aver pianificato attacchi terroristici con altre tre persone. La polizia ruandese, ieri, ha detto che sono in carcere con l’accusa di terrorismo: Cassian Ntamuhanga, il cantante Kizito Mihiho e il soldato Jean-Paul Dukuzumuremyi mentre non è stata specificata l’identità della donna in carcere. Tutti e quattro sono accusati di pianificare attacchi terroristici contro la torre più alta Kigali, e sembra che i quattro siano collegati al ruandese Congresso Nazionale (RNC), partito di opposizione in esilio. «Hanno fomentato un complotto contro il governo di Kigali in rappresaglia per l’omicidio di Patrick Karegeya, ex capo dei servizi segreti ruandesi, uccisi 31 dicembre in Sud Africa». Fa sapere la testata Afik.com citando le fonti della polizia locale. 

La polizia ruandese lo avrebbe riferito ai media citando uno per uno, i quattro imputati ammanettati nel quartier generale a Kigali, e hanno spiegato brevemente le ragioni del loro arresto, secondo RFI. Cassian Ntamuhanga, il giovane direttore di Radio religiosa, ha ammesso di avere conversazioni con un membro dell’opposizione del RNC. Il cantante Mihigo Kizito nel frattempo ha detto che era in contatto con una persona in connessione con i partiti politici, ma ha detto che aveva scambiato solo messaggi via Internet, in cui ha pesantemente criticato il governo. Accusato di essere “responsabile per la mobilitazione di giovani” per l’opposizione in esilio e le FDLR (Forze Democratiche per la Liberazione del Rwanda), è stato arrestato lo scorso fine settimana. Cantante molto popolare nel paese, aveva l’abitudine di cantare l’inno nazionale ogni evento ufficiale. La sua assenza durante la commemorazione del 20 ° anniversario del genocidio era stato notata, soprattutto perché Kizito Mihigo caduto in disgrazia dal marzo scorso, dopo aver cantato una delle sue canzoni. Gli altri due imputati hanno ammesso anche che hanno raccolto fondi e pianificato un attacco con granate a Kigali. Secondo la polizia ruandesi, i quattro imputati sono quindi ora oggetto di un’inchiesta per «coinvolgimento nell’organizzazione di un attacco terroristico contro il Ruanda» Essi sarebbero stati destinati a «rovesciare il governo con la violenza, di assassinare i membri del governo» e avrebbe «partecipato attivamente una rete di aver condotto diversi attacchi granata».