REGNO UNITO. La Cina è la nostra prima minaccia informatica

17

La Cina rappresenta un rischio informatico reale e crescente per il Regno Unito, ha detto martedì il capo dell’agenzia di spionaggio britannica GCHQ, aggiungendo che mentre Russia e Iran rappresentano una minaccia immediata, Pechino è una minaccia epocale. 

Negli Stati Uniti e in tutta Europa c’è stata una crescente ansia per la presunta attività informatica e di spionaggio della Cina, con il governo del primo ministro britannico Rishi Sunak in prima linea in quelle accuse che Pechino ha ripetutamente negato, riporta Reuters.

Il 13 maggio, Sunak ha affermato che la Gran Bretagna sta affrontando una minaccia da parte di “un asse di stati autoritari come Russia, Iran, Corea del Nord e Cina”, e questi avvertimenti sono stati ripresi da Anne Keast-Butler del GCHQ.

“Come ha affermato ieri il primo ministro, i prossimi anni saranno tra i più pericolosi e trasformativi”, ha dichiarato durante una conferenza sulla sicurezza a Birmingham, nell’Inghilterra centrale.

Nel suo primo importante discorso pubblico da quando è stata nominata direttrice dell’agenzia di intelligence per le comunicazioni lo scorso anno, Keast-Butler ha affermato che la minaccia proveniente dalla Russia è acuta e pervasiva a livello globale, con preoccupazione per i crescenti legami tra i servizi di intelligence russi e i gruppi proxy.

L’Iran è rimasto aggressivo nel cyberspazio e gruppi associati a Teheran sono stati implicati in attacchi contro le vittime in molti paesi.

Ma ha detto che la Cina è la massima priorità della sua agenzia. “Nel cyberspazio, crediamo che le azioni irresponsabili della Repubblica popolare cinese indeboliscano la sicurezza di Internet per tutti”, ha affermato.

Le osservazioni di Keast-Butler fanno eco a commenti simili da parte dei capi delle altre due agenzie di spionaggio britanniche, note come MI5 e MI6, e delle sue controparti negli Stati Uniti.

Il direttore informatico nazionale degli Stati Uniti, Harry Koker, ha dichiarato alla conferenza che gli hacker militari cinesi stanno aggirando le difese statunitensi nel cyberspazio e prendendo di mira gli interessi statunitensi su una “scala senza precedenti”.

“In uno scenario di crisi o di conflitto, la Cina potrebbe utilizzare le proprie capacità informatiche pre-posizionate per devastare le infrastrutture civili e scoraggiare l’azione militare degli Stati Uniti”, ha affermato.

In un discorso del mese scorso, Sunak ha affermato che attori cinesi affiliati allo stato hanno condotto “campagne informatiche dannose” contro i legislatori britannici.

La settimana scorsa, ha affermato che un “attore maligno”, che secondo i media britannici sarebbe la Cina, citando fonti governative, avrebbe probabilmente compromesso il sistema di pagamento utilizzato dalle forze armate britanniche, accuse che Pechino ha definito assurde.

Lunedì tre uomini sono comparsi in tribunale accusati di assistere i servizi segreti stranieri di Hong Kong in Gran Bretagna, mentre altri due, tra cui un ex ricercatore parlamentare, saranno processati l’anno prossimo con l’accusa di spionaggio a favore della Cina.

Martedì, il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin, ha dichiarato in una conferenza stampa che la Gran Bretagna ha ripetutamente esagerato con le accuse di spie cinesi e attacchi informatici.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/