PAKISTAN. Gli Uiguri cinesi scappano. La Cina preme su Islamabad per riaverli

176

I musulmani uiguri stanno fuggendo dal Xinjiang e si rifugiano nel Pakistan. Le autorità pakistane dicono di essere sotto la crescente pressione di Pechino per rimpatriare gli Uiguri per il timore che vadano a ingrossare le fila dell’East Turkestan Independent Movement, Etim, che cerca di creare uno stato indipendente nello Xinjiang, e ad altri gruppi militanti musulmani che hanno preso di mira gli interessi di Pechino in Pakistan.

Stando ad Asia Times, più di 2.000 famiglie uigure sono entrate illegalmente in Pakistan di recente, per evitare le limitazioni e l’internamento nei cosiddetti campi “professionali” creati da Pechino.

Prima del recente afflusso, fonti del ministero dell’Interno pakistano riportavano che circa 2.000 famiglie uigure vivessero in Pakistan dal 1950, per lo più gestendo imprese nel Punjab centrale e nelle parti settentrionali del paese.

«Le autorità hanno iniziato a raccogliere dati biometrici su tutti gli uiguri che vivono in Pakistan per sapere esattamente quanti uiguri sono emigrati dalla Cina», riporta At. La Cina stessa ha complicato il processo di immigrazione per il gruppo etnico turco, i cui passaporti cinesi sono stati confiscati o non rinnovati per rendere più difficile per loro viaggiare all’estero.

La pakistana National Database and Registration Authority, Nadra, ha recentemente fatto circolare un modulo di indagine per raccogliere informazioni sull'”affiliazione religiosa e la storia familiare” delle famiglie uigure, in modo che i nuovi arrivati dallo Xinjiang possano essere identificati. La maggior parte degli uiguri che sono fuggiti recentemente dalla Cina hanno camuffato la loro identità e si sono stabiliti nelle aree urbane densamente popolate del paese per evitare il rilevamento ufficiale.

I membri della comunità uigura che sono emigrati in Pakistan e hanno ottenuto la cittadinanza li hanno aiutati a stabilirsi in modo discreto. Il Pakistan ha dato lo status di cittadino ai migranti uiguri i cui antenati si erano trasferiti in Pakistan alla fine degli anni ’60 e ’70. Ora sono pienamente integrati nella società pakistana attraverso i matrimoni misti, parlano fluentemente l’urdu e indossano abiti tradizionali pakistani.

Alcuni di loro importano piastrelle cinesi, ceramiche, seta e prodotti tessili dallo Xinjiang, creando così connessioni commerciali e personali con la Cina.

Dal 1997 al 2016, il Pakistan ha estradato circa 35 studenti e militanti uiguri da Lahore e dal Nord Waziristan; Amnesty International ha affermato che le autorità cinesi ne hanno giustiziato la maggior parte; il governo pakistano nel 2015 ha affermato che i militanti uiguri non erano più presenti nelle aree tribali del nord-ovest del Pakistan, nel tentativo di placare Pechino.

Nel distretto di Mansehra della provincia di Khyber Pakhtunkhwa e nel Punjab, stazionerebbero gruppi di militanti uiguri con la connivenza delle agenzie di sicurezza del Pakistan. Nel 2015, il Pakistan ha firmato il Corridoio economico Cina-Pakistan, Cpec, punto cruciale della Belt and Road Initiative di Pechino.

È in quel periodo, dicono i critici, che Pechino ha iniziato a influenzare maggiormente le decisioni di Islamabad sugli uiguri. Le autorità hanno chiuso le scuole e le organizzazioni culturali istituite dalla comunità uigura per educare i bambini nella loro lingua madre.

Il Pakistan non ha condannato pubblicamente la persecuzione cinese degli uiguri nello Xinjiang, temendo un contraccolpo cinese e la possibile sospensione di lucrosi progetti di investimento.

Antonio Albanese