ONU. Si abbassa l’aspettativa di vita globale 

81

Il rapporto World Population Prospects, Wpp delle Nazioni Unite, pubblicato recentemente, prevede che la popolazione mondiale raggiungerà gli 8 miliardi di persone entro il novembre del 2022 e che l’India supererà la Cina come Paese con il maggior numero di abitanti.

Le Nazioni Unite prevedono che il 15 novembre nascerà l’ottavo miliardo di abitanti, si legge nel documento del WPP. Il documento sottolinea inoltre che la popolazione mondiale sta crescendo al ritmo più lento dal 1950. Inoltre, si prevede che la crescita della popolazione tra oggi e il 2050 avverrà nella Repubblica Democratica del Congo, in Egitto, Etiopia, India, Nigeria, Pakistan, Filippine e Tanzania. Al ritmo attuale, le Nazioni Unite stimano che il mondo avrà circa 8,5 miliardi di abitanti nel 2030 e circa 9,7 miliardi nel 2050. L’organizzazione prevede che la popolazione mondiale raggiungerà circa 10,4 miliardi nel 2080 e rimarrà a questo livello almeno fino al 2100.

Il rapporto rileva inoltre che il tasso di fertilità è sceso notoriamente negli ultimi decenni, con due terzi della popolazione globale che vive in aree in cui il tasso di natalità medio è di 2,1 nascite per persona incinta, appena sufficiente a mantenere stabile il numero di abitanti in luoghi con bassa mortalità. Tra il 2022 e il 2050, si prevede che la popolazione di 61 Paesi o aree si ridurrà di almeno l’1% a causa dei bassi tassi di natalità, uniti a una forte emigrazione.

A partire dal 2023, l’India sarà il Paese più popoloso del mondo, superando la Cina. Entrambi i Paesi hanno oltre 1,4 miliardi di abitanti ciascuno e sono in gran parte i più grandi in termini demografici. Sono anche membri del blocco Brics, insieme a Brasile, Russia e Sudafrica.

Gli Stati Uniti sono il terzo Paese più popoloso al mondo, con circa 337 milioni di abitanti, seguiti da Indonesia (275 milioni), Pakistan (234 milioni) e Nigeria (216 milioni).

Secondo il WPP, l’aspettativa di vita globale è scesa nel 2021 a 71 anni, dopo aver raggiunto i 72,8 anni nel 2019, con un miglioramento di quasi 9 anni dal 1990. Si ritiene che la Pandemia abbia avuto un ruolo in questo risultato. Eppure, alcuni funzionari governativi dei Paesi sudamericani insistono nell’aumentare l’età pensionabile.

L’11 luglio è stata la Giornata Mondiale della Popolazione. Nel suo messaggio di commemorazione, Antonio Guterres, segretario Generale Onu, ha sottolineato che la Pandemia, la crisi climatica, le guerre e i disastri umanitari dimostrano che il mondo è “in pericolo” e ancora afflitto dalla disuguaglianza di genere e dalle aggressioni ai diritti delle donne. In alcune parti del mondo, «la vita, la dignità, la libertà e il benessere delle donne e delle ragazze» rimangono costantemente minacciati, sottolinea il rapporto.

Il Covid19 avrebbe causato quasi sei milioni di morti in tutto il mondo, mentre i conflitti armati, la violenza e le persecuzioni hanno causato lo sfollamento forzato di 100 milioni di persone.

Secondo le proiezioni, la popolazione mondiale raggiungerà il picco di circa 10,4 miliardi di persone nel 2080 e rimarrà a questo livello fino al 2100. La metà di questa espansione demografica proviene dall’Asia, mentre l’Africa è destinata a dare il secondo contributo in ordine di grandezza, il che, insieme, farà salire la popolazione mondiale a 9 miliardi di persone entro il 2037.

Maddalena Ingrao