ONU. Per l’Albania inizia il mese di presidenza del Consiglio di sicurezza

100

Mercoledì 1 giugno per l’Albania è iniziato il mese di presidenza del Consiglio di sicurezza dell’Onu. Secondo il messaggio di Edi Rama, le Nazioni Unite garantiscono la difesa dei principi di giustizia e stato di diritto, che Tirana, stando alle parole del premier albanese, promuove sia in politica interna che a livello internazionale.

Parlando di sicurezza europea, il Primo ministro albanese si è ovviamente soffermato sul tema della guerra in Ucraina. «È necessario agire con urgenza – ha detto Edi Rama – anche per tutti noi, per rispettare la legge e promuovere l’azione multilaterale.»

L’Albania ha ottenuto i voti necessari a diventare membro temporaneo del Consiglio di sicurezza quasi un anno fa, lo scorso 11 giugno: il mandato è iniziato l’1 gennaio 2022 e scadrà a fine 2023.

Gli interessi dell’Albania sono all’opposto rispetto a quelli della Russia, membro permanente del Consiglio di sicurezza Onu. Questo ovviamente non riguarda soltanto l’attuale conflitto in Ucraina, che pure ha visto il governo di Tirana schierarsi fin da subito con i partner euro-atlantici, in linea con la sua appartenenza alla Nato di cui è membro dal 2009 e con le intenzioni del governo di ottenere lo status di candidato a Paese membro dell’Unione europea.

Il messaggio del premier in occasione dell’inizio della presidenza di turno dell’Albania al Consiglio di sicurezza fa riferimento anche alle questioni regionali balcaniche: secondo Edi Rama, «le cicatrici delle guerre post-jugoslave sono ancora aperte» e questo riguarderebbe in particolare il Kosovo. Il prevedibile riferimento ai tentativi di dialogo tra Pristina e Belgrado ha però anche a che fare anche con la guerra in corso: con l’invasione dell’Ucraina e il sostegno di buona parte della popolazione serba alla Russia, il rischio è che anche la situazione regionale possa accelerare, e questo vale sia per la stabilità della Bosnia Erzegovina che per le tensioni al confine tra Serbia e Kosovo. 

Carlo Comensoli