#UKRAINERUSSIAWAR. Sempre più petrolio russo verso India e Cina

137

La Russia sta negoziando con i paesi dell’Asia-Pacifico per la vendita del petrolio degli Urali. È già stato possibile concordare un aumento dei volumi di vendita con l’India ed è in corso un dialogo ufficiale anche con la Cina.

I tentativi della Russia di trovare nuovi mercati sono seguiti da vicino in Europa, riporta Bloomberg secondo cui la Russia non sarà in grado di reindirizzare le vendite di petrolio verso Cina e India a causa delle difficili rotte logistiche e della complessità del processo di elaborazione e adattamento prodotti petroliferi per partner asiatici.

L’India ha un’enorme richiesta di petrolio russo. La Russia offre all’India di aumentare gli acquisti e acquistare petrolio con uno sconto fino a 35 dollari al barile. Le parti stanno già discutendo del primo lotto, il cui volume potrebbe raggiungere i 15 milioni di barili: prevedono di consegnarli in soli 20 giorni attraverso il porto di Vladivostok.

Secondo quanti riporta Toi, tra i 74 e i 79 milioni di barili del produttore OPEC+ sono stati in transito e in deposito galleggiante nell’ultima settimana, più del doppio rispetto ai 27 milioni di barili di poco prima dell’invasione dell’Ucraina di febbraio, secondo i dati Kpler.

Il mese scorso, per la prima volta, l’Asia ha superato l’Europa come maggior acquirente e il divario è destinato ad aumentare a maggio, secondo la società di dati e analisi. Il forte aumento del petrolio russo in transito via mare sottolinea come il commercio energetico globale sia stato messo in subbuglio dall’invasione, con le compagnie statunitensi, britanniche e di molti Paesi dell’UE che hanno voltato le spalle ai suoi carichi, costringendo Mosca a cercare acquirenti in Asia.

Cina e India si sono accaparrate milioni di barili dal Paese per approfittare di forti sconti sui flussi. I flussi combinati di petrolio russo destinati ai due principali acquirenti asiatici, India e Cina, sono saliti a livelli record nel mese di aprile, grazie soprattutto all’aumento degli acquisti dall’India. Anche se le spedizioni di questo mese dovrebbero essere leggermente inferiori, saranno comunque battute solo dal record del mese scorso.

Il volume di greggio in mare si espanderà di 45-60 milioni di barili a causa dell’aumento del commercio russo via mare con l’Asia, se l’Unione Europea riuscirà a concordare l’eliminazione graduale di tutte le importazioni dalla nazione entro la fine di quest’anno, ha dichiarato la società di consulenza industriale Fge in una nota la scorsa settimana. Le navi sono costrette a viaggi più lunghi quando trasportano il greggio – come la nave ammiraglia Urals – dai porti occidentali della Russia verso l’Asia piuttosto che verso l’Europa, con un viaggio di sola andata verso la Cina che in genere richiede circa due mesi.

Al 26 maggio, secondo i dati Kpler, circa 57 milioni di barili di Urals e 7,3 milioni di barili di greggio ESPO dell’Estremo Oriente russo erano in mare, rispetto ai 19 milioni di Urals e ai 5,7 milioni di ESPO di fine febbraio.

Antonio Albanese