Nuovi mezzi d’assalto per la Morskaja Pechota

80

RUSSIA – Mosca – La fanteria di marina russa (Морская пехота России), della flotta del Mar Caspio riceverà, nel corso dei prossimi due anni, tre navi da assalto anfibio Serna. La notizia è stata data da fonti della Marina moscovita.

La flotta del Mar Caspio ha già un certo numero di queste navi, stando a fonti della Marina Militare che però non ha confermato il numero esatto.

Una Serna ha 25,8 metri di lunghezza e 61 tonnellate di dislocamento. Può trasportare un carro armato o due veicoli da combattimento di fanteria (corazzati da trasporto truppa) oppure una squadra da sbarco composta da 92-uomini.

Sempre fonti della marina moscovita hanno confermato che ila fanteria di marina russa sta attualmente ricevendo nuove armi di piccolo calibro e armi leggere.

Nel 2012, i marines russi hanno condotto più di 25 esercitazioni tattiche e hanno effettuato più di 90 missioni e spedizioni in zone oceaniche in tutto il mondo.

La Morskaja Pechota Rossii sstrae le sue origini al 1705 su iniziativa di Pietro I, come reggimento imbarcato con lo scopo di gestire le operazioni terrestri della flotta del Baltico. Da quel momento è stata una delle punte di diamante delle forze armate dell’Impero Russo, prima, dell’Urss, poi e, infine, della Russia attuale.

È stata impiegata nelle guerre napoleoniche alla Guerra di Crimea, al conflitto russo-giapponese, e nelle due Guerre mondiali del XX secolo. Dall’implosione dell’Urss, questo reparto ha seguito le sorti del comparto Difesa russo, vivendo difficoltà che hanno portato a riduzioni d’organici e capacità operative.