L’Iran presenta il suo nuovo drone

58

IRAN – Teheran. 24/09/14. È stato presentato il primo drone armato dell’Iran, in grado di gestire missili aria aria. Fonte agenzia di stampa IRNA.

Il Vice Ministro della Difesa iraniano, il generale di brigata Amir Hatami ha detto ai giornalisti che il drone è in grado di distruggere tutti i tipi di velivoli, tra cui i piccoli Unmanned Aerial Vehicles (UAV) e gli elicotteri. Hatami ha sottolineato che il drone è stato prodotto dal ministero della difesa della Repubblica islamica. La Repubblica islamica ha finora svelato diversi droni fatti “in casa”, tra cui Ababil, Fotros, Hazem, Karrar (lungo raggio), Mohajer, Sarir, Shahed 129, Yasir e Zohal. 

Il paese ha presentato il suo primo dreno nazionale a lungo raggio UAV denominato Karrar nel 2010. L’Iran ha anche inaugurato la linea di produzione di due UAV nazionali armati Raad e Nazir. I due droni hi-tech sono in grado di effettuare missioni di lunga ricognizione, pattugliamento, assalto e bombardamento con alta precisione. L’Iran ha testato con successo un radar che intercetta gli UAV “artigianali” nel 2009. Il primo UAV iraniano a lunga durata UAV, il Shahed-129 è stato inaugurato nel settembre 2012, ed è in grado di effettuare un combattimento e ricognizione per otto missioni in 24 ore e ha un raggio il 1700 km di volo. Il paese ha presentato nel 2013 il suo UAV più grande homemade, dal titolo ‘Fotros’ nel 2013 che ha una gamma di circa 2.000 chilometri ed è in grado di lanciare in aria la superficie attacchi missilistici. Il drone può volare ad un’altitudine di 25.000 metri, con un tempo di volo di 16 a 30 ore. L’Iran ha iniziato la produzione di massa del UAV “Yasir” nel settembre del 2013, Yasser può volare ad un’altitudine di 15.000 piedi. Sta in volo per otto ore, copre una distanza di 200 km, e non ha bisogno di una pista. L’UAV è dotato di potenti fotocamere moderne di luce, e può controllare con precisione il bersaglio.