INDONESIA. Gaza, Palestina ed economia al centro della campagna elettorale

46

Gaza, questione palestinese e economia, in quest’ordine, i temi al centro delle presidenziali indonesiane; i tre candidati presidenziali indonesiani stanno spiegando le loro piattaforme in vista delle elezioni del 14 febbraio 2024.

Lunedì scorso la Commissione elettorale generale indonesiana ha dichiarato idonei a candidarsi tre candidati: il ministro della Difesa Prabowo Subianto, 72 anni, l’ex governatore di Giava centrale Ganjar Pranowo, 55 anni, e l’ex governatore di Giakarta Anies Baswedan, 54 anni, riporta Nikkei.

Sebbene il periodo di campagna aperta non inizi ufficialmente prima del 28 novembre, gli aspiranti hanno iniziato a pubblicizzare i loro programmi nei forum pubblici.

Il sostegno alla Palestina è rapidamente diventato un elemento fondamentale nel contesto delle operazioni militari israeliane a Gaza, con tutti e tre i candidati che hanno riaffermato il sostegno dell’Indonesia alla Palestina. 

La più grande economia del Sud-Est asiatico ospita la più grande popolazione musulmana del mondo. È un Paese laico in cui i partiti politici di tendenza islamica da molti anni competono per guadagnare consenso. Le questioni religiose, tuttavia, a volte svolgono un ruolo fondamentale nel determinare il voto dei musulmani.

«Chiediamo al mondo di sostenere la giustizia… di svegliarsi e agire (…) Muoviamoci tutti per bloccare Israele, per chiedere un cessate il fuoco e chiedere loro di assumersi la responsabilità», ha detto Anies in un infuocato discorso davanti a decine di migliaia di persone che hanno partecipato a una manifestazione a sostegno della Palestina a Giakarta il 5 novembre.

Prabowo, il ministro della Difesa, ha pubblicizzato il suo coinvolgimento nelle missioni governative a sostegno della Palestina, dallo schieramento di aerei militari per la consegna di aiuti umanitari all’offerta dell’invio di una nave ospedale a Gaza.

Ganjar la scorsa settimana ha criticato l’incapacità delle Nazioni Unite di intraprendere azioni significative per fermare lo spargimento di sangue a Gaza, affermando che l’Indonesia deve ampliare le sue pressioni diplomatiche per aiutare a risolvere il conflitto. Ha proposto di istituire una speciale missione di pace all’interno del ministero degli Esteri con il compito di mediare i conflitti.

Sul fronte economico, anche i manifesti elettorali dei tre candidati sono in gran parte simili: fondamentalmente continuazioni delle politiche di punta di Widodo, compreso lo sviluppo dell’industria della lavorazione dei minerali, la sua spinta infrastrutturale e la costruzione di un’economia digitale, così come un più recente spingere per sviluppare un ecosistema di veicoli elettrici e un’economia a basse emissioni di carbonio.

Le differenze sono più accentuate. Prabowo è forte nel nazionalismo delle risorse e nella retorica dell’autosufficienza, Ganjar nel perfezionare i programmi esistenti e Anies nel migliorare la distribuzione della ricchezza del paese. 

Tommaso Dal Passo

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/