INDONESIA. La scommessa di Giacarta sul Nichel per il settore EV

155

Il litio è un componente chiave delle batterie dei veicoli elettrici (EV). Nel marzo 2023, il governo iraniano ha affermato di aver scoperto un enorme giacimento di litio, dell’entità di 8,5 milioni di tonnellate. La Cina è il più grande consumatore di litio, che importa principalmente dall’Australia, il più grande esportatore mondiale di litio. Nel 2020 era responsabile di quasi la metà del litio disponibile nel mondo.

Oltre il 90% del litio australiano viene esportato in Cina, soddisfacendo l’85% del fabbisogno di quest’ultima. Nella prima metà del 2023, i ricavi dell’Australia derivanti dalla vendita di concentrato di litio alla Cina hanno superato i 7 miliardi di dollari, riporta AT. Data la spinta della Cina a diventare il principale produttore mondiale di veicoli elettrici, la sua domanda di litio non potrà che aumentare: si stima che i ricavi delle esportazioni di litio dell’Australia saranno più che triplicati nel periodo 2022-2023, riporta AT.

Ma la scoperta del litio da parte dell’Iran potrebbe sfidare il dominio dell’Australia nel mercato cinese. La Cina è la più grande destinazione di esportazione sia dell’Iran che dell’Australia.

Nel 2022, l’Australia ha inviato più di un quarto delle sue esportazioni verso la Cina, per un valore di 104 miliardi di dollari. L’Iran è stato un importante fornitore di petrolio greggio per la Cina, inviando più di 750mila barili al giorno, oltre un quarto della sua produzione.

La domanda di litio come ingrediente chiave delle batterie per veicoli elettrici è aumentata: la domanda di batterie è stata responsabile di quasi l’80% di tutto l’uso di litio nel 2022. Ciò ha implicazioni per altri paesi che aspirano a giocare ruoli chiave nel settore, come il più grande produttore mondiale di nichel, l’Indonesia.

Nel 2019, il presidente indonesiano Joko Widodo ha emanato un regolamento sull’accelerazione di un programma di veicoli elettrici in Indonesia. Nel 2020, il ministero dell’Industria indonesiano ha pubblicato il suo Piano nazionale di sviluppo industriale, in cui si afferma che la priorità per l’industria automobilistica per il periodo dal 2020 al 2035 è lo sviluppo dei veicoli elettrici e dei suoi componenti.

Il piano prevede che i veicoli elettrici a batteria costituiscano almeno il 20% del totale dei veicoli prodotti nel 2025. Secondo il piano, l’Indonesia mira a essere tra i primi cinque produttori mondiali di batterie per veicoli elettrici entro il 2040. In linea con questa ambizione, l’Indonesia ha creato joint venture con la coreana Hyundai e la cinese Shanghai General Motors Wuling. Il governo ha nominato l’Indonesia Battery Corporation come hub per la produzione di batterie per veicoli elettrici, sfruttando il ricco giacimento di nichel dell’Indonesia.

Tuttavia, in Indonesia mancano altri ingredienti per produrre batterie per veicoli elettrici, in particolare il litio. Non sorprende che la prospettiva che Australia e Indonesia uniscano le forze nella produzione di batterie per veicoli elettrici sia diventata uno dei punti di discussione durante la visita di Widodo in Australia nel luglio 2023.

Ma non vi è stata alcuna realizzazione concreta del piano dopo la firma di un memorandum d’intesa tra la Camera di commercio e industria indonesiana e il governo dell’Australia occidentale.

Proprio come l’Indonesia, l’Australia sta perseguendo una strategia di industrializzazione della trasformazione a valle. Ciò vale anche per il litio, come affermato nella sua Strategia sui minerali critici.

L’Australia potrebbe cercare di stare attenta a non inimicarsi gli Stati Uniti nelle sue polemiche contro la Cina, considerando che gli investimenti cinesi nella lavorazione del nichel in Indonesia sono significativi: dal 2013 la Cina è stata la principale fonte di investimenti diretti esteri nel settore minerario indonesiano.

Widodo ha vietato l’esportazione di materie prime, per incentivare lo sviluppo dei settori a valle. C’è stato un aumento significativo nelle esportazioni di derivati del nichel in seguito al divieto di esportazione dei minerali di nichel.

Ma la politica abbassa i prezzi interni dei minerali di nichel, scoraggiando l’esplorazione mineraria, anche se aumenta la redditività degli utilizzatori a valle, molti dei quali sono di proprietà straniera, soprattutto da parte di investitori cinesi. Nei pochi casi in cui l’Indonesia è un importante fornitore globale con potere di mercato internazionale, il ritiro dell’offerta indonesiana potrebbe far salire i prezzi globali e quindi avvantaggiare altri esportatori.

Lucia Giannini

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/