INDIA. I droni lanciano lacrimogeni sugli agricoltori. Aquiloni bloccano i droni

63

Le forze di sicurezza indiane hanno lanciato gas lacrimogeni contro gli agricoltori in protesta per il secondo giorno mercoledì per impedire a decine di migliaia di manifestare verso la capitale Nuova Delhi per chiedere prezzi più alti per i loro prodotti.

Viaggiando su camion e rimorchi carichi di cibo, biancheria da letto e altre forniture, gli agricoltori hanno iniziato la marcia “Delhi Chalo” (Andiamo a Delhi, ndr) martedì mattina dopo che i colloqui con il governo non sono riusciti a ottenere un impegno sui prezzi minimi per una serie di colture, riporta Reuters.

Le autorità hanno imposto rigide misure di sicurezza nelle aree al confine con Nuova Delhi, con centinaia di uomini in tenuta antisommossa schierati tra blocchi di cemento sormontati da filo spinato e container come barriere sul percorso del convoglio.

Le forze di sicurezza hanno fermato i contadini al confine di Shambhu che divide Punjab e Haryana, gli stati settentrionali a cui appartiene la maggior parte dei contadini, a quasi 200 km dalla loro destinazione.

I manifestanti hanno lanciato pietre e hanno cercato di abbattere le barricate, ha detto la polizia che ha usato gas lacrimogeni per disperderli.

Le forze di sicurezza hanno anche utilizzato i droni per lanciare lacrimogeni sugli agricoltori che, in risposta, hanno lanciato aquiloni in cielo nella speranza di impigliare le macchine.

Numerosi sindacati di agricoltori hanno affermato che giovedì avrebbero protestato contro l’azione della polizia bloccando il traffico ferroviario in diverse località del Punjab per quattro ore.

Una protesta simile durata un anno nel 2021 da parte degli agricoltori, potente blocco elettorale, aveva spinto il governo Modi ad abrogare alcune leggi agricole e a promettere di trovare modi per garantire prezzi di sostegno per tutti i prodotti agricoli.

Gli agricoltori affermano che il governo è stato lento nel mantenere quest’ultima promessa. Le ultime proteste arrivano pochi mesi prima delle elezioni nazionali in cui Modi cercherà un terzo mandato.

I leader dei sindacati degli agricoltori hanno affermato che il governo dovrebbe accettare le loro richieste o “democraticamente” consentire loro di andare a Delhi.

Il governo ha lanciato un appello agli agricoltori affinché si facciano avanti per discutere le loro richieste, e il ministro dell’Agricoltura Arjun Munda ha affermato che gli sforzi continueranno per parlare loro “in modo costruttivo e positivo”.

Tuttavia, mercoledì un influente sindacato degli agricoltori legato al partito di Modi ha respinto le richieste avanzate dagli agricoltori in protesta.

Il leader del Bharatiya Kisan Sangh, BKS, o Gruppo degli agricoltori indiani, ha affermato che le proteste sono state organizzate dai partiti politici dell’opposizione con l’obiettivo di fratturare le riforme agrarie di Modi.

Maddalena Ingroia

Segui i nostri aggiornamenti su Spigolature geopolitiche: https://t.me/agc_NW e sul nostro blog Le Spigolature di AGCNEWS: https://spigolatureagcnews.blogspot.com/