Impressionante ondata di attentati in Iraq

49

IRAQ – Baghdad. Una nuova ondata di attentati ha scosso l’Iraq nella giornata del 17 dicembre. Dieci autobome hanno colpito le forze di sicurezza irachene e la popolazione civile in tutto il Paese. Le vittime sono state 32 persone e i feriti più di 100.

Questa nuova ondata di attacchi è considerata dalle autorità un tentativo dei gruppi insorgenti, tra cui al Qaeda, volti a rinfocolare i conflitti settari tra gli iracheni e sospingere nuovamente l’Iraq sull’orlo di una guerra civile, andando a inserirsi nelle persistenti divisioni politiche che hanno già paralizzato il governo del Paese. Lo scopo è, infatti, dimostrare di saper effettuare attacchi coordinati e di alto profilo per minare la promessa del governo centrale di garantire la sicurezza agli iracheni.

Uno degli attacchi ha colpito la zona residenziale di al-Shabak, abitata da una minoranza sciita: un’autobomba è esplosa nel villaggio di Tahir-Awa, circa 30 km a est di Mosul, uccidendo sette persone e ferendone altre 14. La maggior parte delle vittime sono donne e bambini.

In un altro episodio, due bombe sono esplose quasi simultaneamente in un villaggio vicino a Tahir-Awa senza causare vittime. Gli “Shabak” vivono nei villaggi nella provincia settentrionale irachena di Ninive, intorno alla città capoluogo di provincia di Mosul, circa 400 km a nord di Baghdad.

Nel frattempo, cinque persone sono state uccise e 25 feriti in esplosione auto due bombe nella città di Tuz-Khurmato, circa 200 km a nord di Baghdad.

Inoltre, tre poliziotti, tra cui un ufficiale, sono stati uccisi e altri tre feriti quando alcuni uomini armati hanno attaccato la loro pattuglia con una bomba e con raffiche di armi automatiche su una strada vicino al villaggio di Albu-Slaibi nei pressi della città di Dhuluiyah, circa 90 km a nord di Baghdad.

In un altro attentato, un’autobomba è esplosa vicino ad un autobus che trasportava pellegrini sciiti iraniani in viaggio, a sud della città di Dujail, circa 60 km a nord di Baghdad, ferendo 14 pellegrini iraniani, ha detto la fonte.

In altre parte i del Paese, uomini armati hanno attaccato un posto di blocco della polizia e fatto saltare in aria un’auto trappolata nella città di Tikrit, capitale della provincia Salahudin a nord di Baghdad, uccidendo un poliziotto e ferendone altri quattro.

La lista degli attentati prosegue in maniera impressionante: nella città irachena di Samarra, circa 120 km a nord di Baghdad, un’altra autobomba è esplosa nei pressi di un checkpoint della polizia ferendo di tre civili.

Nella provincia occidentale di Anbar, colpi di mortaio hanno colpito una zona residenziale nella città di Rutba, circa 375 km a ovest di Baghdad, uccidendo due persone e ferendone altre sei.

Un’autobomba ha colpito una pattuglia della polizia nella città di Khaldiyah, 80 km a ovest di Baghdad, uccidendo due poliziotti e ferendone altri tre, tra cui un ufficiale.

A Baghdad, un’autobomba è esplosa nei pressi di piazza Uqba Bin Nafie, nel quartiere centrale della città di Karrada, uccidendo un civile e ferendone altri quattro.

Vicino a Baghdad, tre soldati sono rimasti feriti in un attacco bomba vicino alla loro pattuglia nella città di Tarmiyah, circa 20 km a nord della capitale, mentre due poliziotti sono rimasti feriti nell’esplosione di una bomba nella città di Madain, circa 30 km a sud est di Baghdad.

Nell’Iraq orientale, nella provincia di Diyala, uomini armati hanno attaccato la casa di un leader tribale, il 16 dicembre, in un villaggio vicino alla città di Qara-Tabba, circa 165 km a nord-est di Baghdad, uccidendone la famiglia.

Gli osservatori detto che gli attacchi fanno parte di un tentativo da parte di gruppi ribelli, tra cui al-Qaeda gruppo militante, per dimostrare che sono in grado di effettuare attacchi coordinati e di alto profilo per minare la promessa del governo iracheno di garantire la sicurezza agli iracheni.

Il attacca anche riflettere l’intenzione dei gruppi ribelli ‘di suscitare conflitti settari tra gli iracheni e sollevare il timore che il paese potrebbe essere riportati alla violenza diffusa, in particolare in Iraq sta cercando di evitare le ripercussioni della violenza dal conflitto in corso nella vicina Siria.

La violenza in Iraq è venuta meno dal suo culmine nel 2006 e nel 2007, quando i conflitti settari spinto il paese sull’orlo di una guerra civile, ma le tensioni e sparatorie sporadiche e bombardamenti sono ancora comuni in tutto il Paese.