COREA DEL NORD. Prima visita a sorpresa della Zarina in ospedale

347

Il vicedirettore del Comitato Centrale Kim Yo Jong, la potente sorella del leader nordcoreano Kim Jong Un, ha fatto un’ispezione a sorpresa all’ospedale n. 11 di Pyongyang a metà novembre, dopo che suo fratello l’ha recentemente autorizzata a ispezionare unità e strutture della logistica.

Secondo il Daily NK, la zarina ha fatto un’ispezione non programmata dell’ospedale n. 11, un ospedale congiunto civile-militare nel distretto Taedonggang di Pyongyang, il 16 novembre. Kim Yo Jong accompagnata da personale militare e del partito, ha ispezionato il magazzino dei farmaci dell’ospedale, la mensa e altre strutture.

Anche se il registro dell’ospedale mostrava che la struttura era preparata per tutte le eventualità con l’inizio dell’inverno, l’ispezione ha trovato kit di pronto soccorso vuoti; la giustificazione dell’ospedale è stata quella un’eccessiva numero di pazienti che ha costretto l’ospedale a usare le forniture di guerra e di aver pianificato di rifornirsi di farmaci una volta ripresi gli scambi transfrontalieri. La rezione della Zarina non sarebbe stata delle migliori: Kim ha replicato che l’esercito non avrebbe avuto medicine per salvare le vittime se una guerra fosse iniziata ora.

Ispezionando la mensa dell’ospedale, Kim guardando i sacchi di riso avrebbe chiesto quante persone poteva sfamare. Il personale della mensa le ha detto da 23 a 25 persone. Quindi ha ordinato che le porzioni regolamentari di riso fossero servite su 25 vassoi militari. Tuttavia, il riso ha riempito solo 18 dei vassoi, mentre gli altri sette sono rimasti vuoti.

Kim ha quindi ordinato nuovamente al personale di versare il riso nei vassoi, regolando la quantità in modo che tutti e 25 fossero riempiti; la quantità di riso su ogni vassoio era molto inferiore alla quantità regolamentare.

Kim ha preteso una valutazione imparziale delle cose sul campo, chiedendo con calma al personale dell’ospedale di quanto riso in più avrebbero avuto bisogno per fornire ai pazienti la quantità regolamentare e di quanto avrebbero avuto bisogno se ci fosse stato un improvviso afflusso di pazienti.

Ha detto che ognuno è un “guerriero rivoluzionario” per suo fratello, e come tale tutti hanno il dovere di riferire accuratamente la situazione. Ha aggiunto che la volontà del Comandante Supremo, cioè di suo fratello, è quella di far sì che i soldati eseguano con precisione la politica del partito ottenendo una rapida gestione delle condizioni reali, non di “rivoluzionare” o punire qualcuno. Dopo la visita di Kim, gli ospedalieri coinvolti sono stati puniti con trasferimenti fuori Pyongyang.

Maddalena Ingroia