RUSSIA. Putin spiega la posizione di Mosca sul Nagorno Karabakh

85

Il presidente russo Vladimir Putin ha spiegato la posizione della Russia sul cessate il fuoco del Nagorno-Karabakh il 17 dicembre. Durante la conferenza stampa annuale a Mosca, Putin ha sottolineato che la regione è parte integrante dell’Azerbaigian secondo il diritto internazionale.

«Dal punto di vista giuridico internazionale, tutti questi territori sono parte integrante della Repubblica dell’Azerbaigian. Così è stata costruita la nostra posizione nel Gruppo di Minsk, dove Russia, Stati Uniti e Francia sono copresidenti. Per molti anni, abbiamo sempre pensato che le sette aree tenute intorno al Nagorno-Karabakh dovessero essere restituite all’Azerbaigian», ha detto Putin, riporta Hurriyet.

«Lo stato attuale del Karabakh dovrebbe rimanere invariato, con la condizione obbligatoria di creare un canale di comunicazione tra l’Armenia e il Nagorno-Karabakh», ha detto, aggiungendo che il corridoio di Lachin, che collega il Nagorno-Karabakh e l’Armenia, è stato creato per questo scopo. Putin ha sottolineato che lo status del Nagorno-Karabakh «dovrebbe essere trasferito al futuro», notando: «Lo status quo nel Nagorno-Karabakh dovrebbe essere fissato».

Alla domanda sulla posizione della Turchia nel conflitto, Putin ha risposto: «La Turchia ha difeso, come credono, la giusta causa dell’Azerbaigian, cioè il ritorno dei territori occupati durante gli scontri degli anni Novanta».

Il presciente russo si è rifiutato di speculare sulle ragioni esterne dell’ultimo focolaio in Karabakh, dicendo: «La tensione è durata per molti anni (…) Non credo che sia stata causata da interferenze esterne. Molte volte ci sono state tensioni, scontri e piccole sparatorie. Come risultato, si è sviluppato in un conflitto», ha detto.

Putin ha osservato che l’accordo trilaterale tra Russia, Armenia e Azerbaigian ha assicurato le posizioni delle parti in conflitto nelle loro sedi quando è stato raggiunto l’accordo sul cessate il fuoco: «Questo accordo sulla cessazione delle ostilità è molto importante. Perché ha fermato lo spargimento di sangue, i civili hanno smesso di morire, questa è una cosa estremamente importante, è fondamentale. Tutto il resto è secondario. Salvare la vita e la salute delle persone è il compito più importante che abbiamo risolto», ha detto il presidente russo.

Commentando la recente violazione del cessate il fuoco, Putin ha espresso la speranza che non si ripeta mai più. Per quanto riguarda un possibile aumento del numero di truppe russe per il mantenimento della pace nella regione, ha detto che può essere fatto solo con l’approvazione di tutte le parti, perché le sue dimensioni sono state negoziate e concordate nella fase di stesura dell’accordo di cessate il fuoco.

«Se tutti giungono alla conclusione che ciò è necessario per aumentare il numero delle forze di pace, lo faremo, altrimenti non lo faremo», ha detto Putin.

Graziella Giangiulio