Colombia: bene il 2014, 2015 a rischio

40

COLOMBIA – Bogotà. 01/12/14. Nel 2014 Colombia ha ottenuto la medaglia per la buona performance economica. È leader delle prospettive di crescita per il 2014, nell’ambito del gruppo di paesi dell’OCSE e sopra la media in tutta l’America Latina. Fonte la Semana

Alcune previsioni individuano una crescita del Prodotto Interno Lordo (PIL) in Colombia al 5 per cento. Altre vedono la percentuale oscillare tra il 4 e 4,5 per cento. In ogni caso, si tratta di una cifra notevole, soprattutto se si considera che l’ambiente internazionale è abbastanza complicata con il rallentamento in molte economie e il collasso dei prezzi del petrolio. Tuttavia, nonostante questa buona notizia, pochi sembrano disposti ad alzare i bicchieri e celebrare la fine del 2014. La ragione è che, anche se il paese sta andando meglio di altri, ci sono nuvole all’orizzonte tale disagio. Oltre al fronte esterno sfavorevole, articoli domestici stanno aggiungendo incertezza al 2015. In particolare, la riforma fiscale, che il governo ha presentato al Congresso. Gli imprenditori sono allarmati per gli effetti che le nuove imposte sugli investimenti, e in generale, in performance di business. Ci sono settori, come gli idrocarburi che si sentono sotto pressione, vista anche la caduta del prezzo del petrolio. Gli imprenditori lamentano anche il fatto che il governo non abbia voluto ascoltare le associazioni datoriali.
Il settore privato colombiano teme fortemente che gli investitori si guarderanno attorno abbandonando la Colombia.
Il rialzo del costo del danaro negli Stati Uniti porterà ad un aumento dei beni esportati dai Paesi sudamericani, tra cui Colombia. Un terzo fattore che potrebbe incidere negativamente sull’economia colombiana è che l’economia asiatica, partner commerciale della Colombia nella regione stanno rallentando. Le previsioni indicano che l’America Latina crescerà solo l’1 per cento quest’anno e appena raggiunge il 2,5 per cento nel 2015. Il Cile Secondo il Fondo monetario internazionale (FMI), per esempio, crescerà a un tasso del 2 per cento quest’anno e il prossimo al 3%. E il quarto elemento è il forte calo del prezzo del petrolio. Sei mesi fa nessuno immaginava che il greggio potesse scendere sotto 70 dollari al barile, ma è successo. Giovedi scorso, dopo la riunione dell’OPEC (OPEC), dove si sono presi gli accordi per ridurre l’approvvigionamento di petrolio, il prezzo del WTI (US) è sceso del 6 per cento a 69 dollari e il Brent (a Londra) va verso il basso e si attesta a 72,80 dollari. Con i prezzi del petrolio più bassi hanno colpito tutto il settore petrolifero nelle borse, e ha messo in pericolo molte economie dipendenti da questo prodotto. Ad esempio, sta devastando il Venezuela, il cui pilastro è il settore petrolifero. Come notato finanziario alla BBC, il mondo sta andando verso una guerra dei prezzi, i consulenti in quanto la decisione dell’OPEC cerca di contenere la diffusione di olio scisto bituminoso proveniente dagli Stati Uniti. Questo paese sta producendo petrolio a costi molto bassi e alcuni analisti ritengono i prezzi potrebbero arrivare a 50 dollari al Barile. Quindi la crisi petrolifera potrebbe far collassare quei paesi emergenti nel cui bilancio dipende dal settore petrolifero. Unica nota positiva, rilevano gli analisti colombiani, la ripresa USA, la prima potenza economica del mondo. Non dobbiamo dichiarare vittoria Tuttavia, anche se la Colombia è stata l’eccezione in campo economico di quest’anno, non si deve esagerare con l’ottimismo. Il paese non è schermato. La grande preoccupazione di analisti locali è sul fronte fiscale, soprattutto per il calo dei prezzi del petrolio e della produzione di petrolio greggio. Si stima che un calo del dollaro del prezzo del barile rappresenta 420.000 milioni di pesos meno. E 10.000 barili al giorno in meno produzione media annua impatto 321.000 milioni di pesos nei conti pubblici. Il ministro delle Finanze Mauricio Cardenas, pur riconoscendo che la questione è preoccupante, ha detto che la regola fiscale ospita cali temporanei i prezzi del petrolio con più debito. Cioè, il paese non ha bisogno di reagire immediatamente a ridurre il prezzo del greggio. Alcuni analisti privati ​​non sono così ottimisti circa le prestazioni delle finanze pubbliche. Per il direttore di Anif, Sergio Clavijo (leggi l’articolo ‘Le sfide di bilancio’su la Semana) i problemi fiscali hanno cominciato ad emergere nel 2014 si faranno sentire nel 2015, ma soprattutto nel 2016. In generale, la fine delle miniere e boom dell’energia sta indebolendo entrate fiscali, nonché per il petrolio, i livelli di produzione di carbone sono bloccati tra 85 e 90 milioni di tonnellate. Non va dimenticato che il petrolio e il carbone rappresentano circa il 50 per cento delle esportazioni della Colombia. Con il rallentamento della Cina, che avrebbe continuato per un po ‘più a lungo, le aspettative in questo settore non sono molto incoraggianti. La ripresa degli Stati Uniti è una buona notizia per la Colombia in quanto è il suo principale partner commerciale. Si dovrebbe portare a un aumento delle esportazioni e rimesse dei lavoratori alle loro famiglie nel paese. La sfida è quella di diversificare il paniere delle esportazioni di raggiungere questo mercato con un più vario rispetto all’offerta attuale. Il problema è che le vendite a quel paese, per valore, sono caduti quest’anno. Tra gennaio e agosto è sceso del 27 per cento, principalmente il settore idrocarburi. In generale nei primi otto mesi dell’anno, le esportazioni colombiane sono diminuite 2,7 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, da 38.917.000 di dollari a 37.877.000. Un elemento che potrebbe alleviare la debolezza esterna è la svalutazione, significa che più pesos per ogni dollaro ricevuto. Questa tendenza continuerà il prossimo anno. Secondo le previsioni di un gruppo di analisti interpellati da la Semana, il dollaro potrebbe essere alla fine del 2015, 2.115 pesos.