La Terra brucia

102

USA – New York 28/09/2013. Il gruppo di studio internazionale delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici ha presentato i risultati di uno studio durato sei anni, cui hanno partecipato 800 scienziati e 50 analisti.

Il rapporto indica che gli esseri umani hanno contribuito all’aumento delle temperature che causano oggi le tempeste più frequenti e gravi, ad esempio. Lo studio propone limiti alle emissioni di gas serra per rallentare l’aumento delle temperature. «Metà dell’aumento osservato nelle temperature medie globali di superficie dal 1950» è imputabile agli esseri umani. Questo è il principale oggetto della relazione.

Un aumento della concentrazione di anidride carbonica «senza precedenti» negli ultimi 20mila anni, assieme agli aumenti di altre emissioni, hanno fatto salire le temperature medie di circa 1 grado Fahrenheit dal 1950 si legge nel rapporto.

Nel peggiore dei casi, le previsioni dicono che entro il 2100, le temperature potrebbero aumentare di ben 3,7 gradi Celsius. Dal 1950 si è registrato un drammatico aumento degli eventi meteorologici estremi. Tra gli eventi del 2012 c’è da ricordare l’ondata di caldo a luglio negli Stati Uniti, l’ondata di calore primaverile nella parte orientale degli Stati Uniti, la siccità dei Great Plains, la siccità invernale in Spagna e Portogallo e le forti piogge e le inondazioni in Europa.

Secondo un articolo sulla rivista Nature, quest’anno, gli eventi meteorologici precedentemente classificati come “tempesta del secolo” potrebbero diventare la tempesta di “ogni 20 anni” o meno (…) Il cambiamento climatico farà probabilmente aumentare l’intensità e le dimensioni delle tempeste, con una conseguente significativa intensificazione delle mareggiate». Inoltre, il periodo 1981-2010 è stato il periodo più caldo degli ultimi otto secoli, e c’è una probabilità del 66 % che siano stati i 30 anni più bollenti degli ultimi 1.400 anni. Gli scienziati sono anche certi al 99 % certo che vedremo giornate e notti più calde mano a mano che il XXI secolo progredisce.

Per dare un’idea di quanto la Terra si sia riscaldata, la temperatura dell’oceano è aumentata di circa 0,8 gradi Celsius tra il 1901 e il 2010, ma tra il 1979 e il 2010 la temperatura è salita di circa 0,5 gradi Celsius. I migliori modelli climatici forniscono agli scienziati la quasi certezza che l’innalzamento del livello del mare accelererà nel XXI secolo.

L’innalzamento del livello del mare si è accelerato nel corso degli ultimi due secoli, a un tasso più elevato rispetto agli ultimi 2.000 anni.

Inoltre, se la temperatura superficiale globale aumenterà di oltre 2 gradi Celsius si potrebbe vedere «un Oceano Artico quasi libero dai ghiacci alla fine dell’estate». 

Il rapporto rileva inoltre che vi è una crescente evidenza che il ghiaccio sta perdendo massa, i ghiacciai si stanno riducendo, la copertura artico marina diminuisce, il manto nevoso è in calo e si scongela il permafrost nell’emisfero settentrionale.

Per quanto riguarda l’aumento del livello del mare, il rapporto Ipcc afferma che gli indicatori di marea e i dati satellitari rendono «inequivocabile» che il livello mondiale medio del mare è in ripresa, cioè sale.

Anche se terminassero improvvisamente le emissioni, il cambiamento climatico potrebbe continuare per secoli: «Molti aspetti dei cambiamenti climatici persisteranno per secoli, anche se le concentrazioni di gas serra venissero stabilizzate».