CINA. Visita a sorpresa di Xi Jinping in Tibet

110

Il leader cinese Xi Jinping ha visitato il Tibet, mentre le autorità stringono i controlli sulla tradizionale cultura buddista della regione himalayana, accompagnata da un’accelerazione dello sviluppo economico e delle infrastrutture moderne.

Xi, riporta Xinhua, ha visitato alcuni siti della capitale Lhasa, tra cui il monastero Drepung, Barkhor Street e la piazza pubblica alla base del Palazzo Potala che ospitava i Dalai Lama, i tradizionali leader spirituali e temporali del Tibet. La visita di Xi non era stata annunciata pubblicamente.

Negli ultimi anni la Cina ha intensificato i controlli sui monasteri buddisti e ha ampliato l’istruzione in lingua cinese piuttosto che quella tibetana. Chi vi si oppone viene arrestato, spesso anche con lunghe pene detentive se ritenuti in collusione con il Dalai Lama.

La Cina non riconosce il governo tibetano auto-dichiarato in esilio con sede nella città di Dharmsala, e accusa il Dalai Lama di cercare di separare il Tibet dalla Cina, riporta Ap.

Nel frattempo, il turismo interno si è espanso massicciamente nella regione durante i nove anni di Xi in carica e sono stati costruiti nuovi aeroporti, linee ferroviarie e autostrade.

Secondo Xinhua, mentre era a Lhasa il 22 luglio, Xi ha cercato di «conoscere il lavoro sugli affari etnici e religiosi, la conservazione della città antica, così come l’eredità e la protezione della cultura tibetana». Un giorno prima, ha visitato la città di Nyingchi per ispezionare il lavoro di conservazione ecologica sul bacino del fiume Yarlung Zangbo, il corso superiore del Brahmaputra, sul quale la Cina sta costruendo una diga al centro di controversie internazionali.

Il presidente cinese ha anche visitato un ponte e ispezionato un progetto per costruire una ferrovia dalla provincia del Sichuan della Cina sud-occidentale al Tibet prima di salire sulla prima linea ferroviaria elettrificata del Tibet da Nyingchi a Lhasa, che è entrata in servizio il mese scorso.

La visita di Xi potrebbe coincidere con il 70° anniversario dell’Accordo dei 17 punti, che stabilì il controllo cinese sul Tibet, che come ricordano molti tibetani è stato effettivamente indipendente per la maggior parte della sua storia. Il Dalai Lama dice di essere stato costretto a firmare il documento e da allora lo ha ripudiato.

L’anniversario capita nel mezzo del deterioramento delle relazioni tra la Cina e l’India, che condividono un lungo ma conteso confine con il Tibet. Scontri mortali l’anno scorso tra le truppe indiane e cinesi lungo il confine ad alta quota hanno drammaticamente alterato il rapporto già teso tra i due paesi vicini entrambi dotati di armi nucleari.

Questo sembra aver spinto il primo Ministro indiano Narendra Modi a fare gli auguri al Dalai Lama per il suo compleanno questo mese su Twitter e ha detto che ha anche parlato con lui per telefono. Questa è stata la prima volta che Modi ha confermato pubblicamente di aver parlato con il Dalai Lama da quando è diventato primo Ministro nel 2014.

In una dichiarazione, il gruppo di sostegno International Campaign for Tibet di Washington ha chiamato la visita di Xi «un’indicazione di quanto il Tibet continui a figurare in alto nelle considerazioni politiche cinesi». Il modo in cui la visita è stata organizzata e la «completa assenza di qualsiasi copertura mediatica statale immediata della visita indicano che il Tibet continua ad essere una questione sensibile e che le autorità cinesi non hanno fiducia nella loro legittimità tra il popolo tibetano».

Antonio Albanese