CAMBOGIA. Sogno petrolifero addio?

112

La Cambogia ha visto svanire il suo sogno di diventare l’ottavo produttore di petrolio tra i 10 membri dell’Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico in meno di sei mesi.

La singaporeana KrisEnergy, che gestisce il campo petrolifero di Apsara nel Golfo di Thailandia al largo di Sihanoukville, nel sud della Cambogia, ha annunciato il 4 giugno di aver presentato la domanda di liquidazione. La società ha detto che la produzione era rimasta meno della metà della sua stima iniziale di 7.500 barili al giorno da quando ha iniziato la produzione il 29 dicembre 2020, lasciandola incapace di ripagare i suoi debiti.

La richiesta di liquidazione di KrisEnergy è stata probabilmente una grande delusione per il primo Ministro cambogiano Hun Sen. Quando il campo petrolifero Apsara è entrato in produzione alla fine dello scorso anno, si è entusiasmato su Facebook: «Nuovo anno 2021 avanti, abbiamo un grande regalo per la nostra nazione – è il primo petrolio prodotto nella nostra terra», riporta Nikkei.

La prima goccia di petrolio dal campo di Apsara è stata racchiusa nel Win-Win Memorial a Phnom Penh. Ironicamente, l’evento si è tenuto cinque giorni dopo che la KrisEnergy ha presentato la domanda di liquidazione; Hun Sen era assente alla cerimonia.

Anche il Giappone fa parte della tortuosa storia del campo petrolifero di Apsara: negli anni ’80, la Cambogia ha iniziato a concedere concessioni per lo sviluppo del petrolio e di altre risorse nelle sue acque territoriali a compagnie straniere per aiutare a sviluppare la sua economia. Nel 1994, la Japan Petroleum Exploration, Japex, fu la prima compagnia petrolifera a condurre perforazioni di prova in Cambogia, trovando segni di depositi di petrolio in base al volume di sostanze organiche. Anche Idemitsu Kosan fece un po’ di esplorazioni in Cambogia nel 1997, ma si ritirò l’anno successivo.

Quando le compagnie hanno restituito le loro concessioni dopo che i loro progetti non hanno avuto successo, il governo cambogiano ha concesso i diritti di sviluppo ad altri. Nel 2005, una partnership tra la major petrolifera statunitense Chevron e la giapponese Mitsui Oil Exploration Co, Moeco, ha trovato un prezioso grado di greggio leggero nella zona, aumentando rapidamente le aspettative.

Ma i negoziati tra il governo cambogiano e Chevron-Moeco per sviluppare il sito si sono interrotti quando il governo cambogiano ha cercato di aumentare le tasse e altri diritti oltre il livello del loro accordo iniziale.

Entra KrisEnergy. La società di Singapore ha rilevato i diritti di sviluppo da Chevron e Moeco e ha firmato un contratto di sviluppo con il governo cambogiano nel 2017. KrisEnergy sembra aver scommesso che il progetto sarebbe stato redditizio, anche sotto le severe condizioni che la Cambogia stava offrendo, se avesse ristretto la portata del suo investimento. Ma la produzione non ha raggiunto l’obiettivo dell’azienda. Alla fine di maggio, poco prima del suo fallimento, si dice che KrisEnergy abbia esportato circa 300.000 barili di petrolio a Singapore. Quella è stata la prima e ultima spedizione di petrolio Apsara.

Phnom Penh cerca ora un altro operatore straniero per il campo petrolifero offshore. Il campo di Apsara pompa circa 3.000 barili al giorno, solo il 6% del fabbisogno del paese. E poiché la Cambogia non ha capacità di raffinazione, non ha altra scelta che esportare il petrolio di Apsara.

Il sogno della Cambogia di diventare un produttore di petrolio svanirà come risultato del fallimento del progetto del campo petrolifero Apsara? La risposta potrebbe trovarsi nelle acque intorno al confine marittimo indefinito con la Thailandia. Entrambi i paesi rivendicano la sovranità su una vasta area di 26.400 kmq a ovest del giacimento di Apsara, situato nella parte centrale del Golfo di Thailandia. Hanno concesso separatamente i diritti di sviluppo del petrolio e di altre risorse alle compagnie nell’area, ma il braccio di ferro tra i due paesi blocca i progetti.

Graziella Giangiulio