CINA. Faida dentro al Comitato militare centrale: serie di arresti per corruzione

91

Continua la battaglia anti-corruzione della presidenza cinese. Xi Jinping ha preso di mira stavolta gli ex dirigenti del complesso militare-industriale del paese, compresi quelli coinvolti nel programma nucleare del paese e nello sviluppo delle portaerei. Ad aprile, i massimi organi anti-corruzione del partito e dello stato hanno annunciato indagini su Yin Jiaxu, un tempo presidente del China North Industries Group, e Liu Houcheng, un dirigente della China National Nuclear Corp. Entrambi sono sospettati di aver commesso “gravi violazioni disciplinari e legali”, la terminologia comunemente usata per indicare la corruzione.

Questa ripresa della campagna anti-corruzione è parte del tentativo di Xi di cementare la sua presa sui militari in vista del congresso del Partito Comunista previsto per l’autunno del prossimo anno. Da quando è alla presidenza, nel 2012, Xi ha giurato di reprimere sia le “tigri” che le “mosche”, riferendosi ai funzionari di alto e basso livello coinvolti nella corruzione, riporta Nikkei Asia.

La campagna ha raggiunto un crescendo durante i preparativi per il congresso del Partito Comunista, tenutosi due volte nell’autunno del 2017, per poi spegnersi negli ultimi anni. Lo stesso ciclo dovrebbe riprendere quest’anno. Le autorità anti-corruzione non hanno rivelato in dettaglio il motivo dietro le indagini su Yin e Liu.

Yin è stato presidente di China North Industries, l’appaltatore militare noto come Norinco, tra il 2013 e il 2018. In precedenza è stato vice direttore generale del China South Industries Group, un produttore di attrezzature militari, dal 2002 al 2010. Mentre era in quella posizione, è stato anche a capo della società del gruppo Changan Automobile Group, che aveva joint venture sia con Ford Motor che con Mazda Motor. Che gli investigatori stiano indagando un dirigente di due principali appaltatori militari è uno shock per l’industria della difesa di Pechino.

Liu era precedentemente un dirigente di una società di gestione patrimoniale della China Nuclear Engineering & Construction Corp. che nel 2018 si è fusa con lo sviluppatore di armi nucleari China National Nuclear Corp., pezzo importante del complesso militare-industriale cinese. Dopo la fusione, Liu è stato promosso a vice capo economico della Cnnc, gestendo i costi in tale veste. A gennaio, le autorità hanno arrestato Hu Wenming, ex presidente della China Shipbuilding Industry Corp. Hu ha supervisionato la costruzione della prima portaerei cinese Shandong.

L’impatto delle indagini anti-corruzione ha raggiunto lo stesso Esercito Popolare di Liberazione. Il comitato permanente del Congresso Nazionale del Popolo ha annunciato il mese scorso che Song Xue, ex vice capo di stato maggiore della marina, perderà il suo status di rappresentante del Congresso a causa delle accuse di gravi violazioni disciplinari e legali. Poiché Song era stato coinvolto nello sviluppo delle portaerei, i suoi legami con gli appaltatori militari sono stati oggetto di speculazioni.

Il nuovo giro di vite arriva sullo sfondo della lotta per il potere attualmente in corso. Alla Commissione Militare Centrale, che Xi guida, un alto funzionario del dipartimento di sviluppo delle attrezzature di armi è stato messo sotto inchiesta per sospette violazioni disciplinari. Molti di quelli nello stesso dipartimento sono considerati vicini all’ex presidente Jiang Zemin, dimessosi da segretario generale del partito nel 2002, ma sempre a capo della Commissione militare centrale per altri due anni, dimostrando la sua potente influenza sulle forze armate. Yin e Hu sono ritenuti legati a Jiang e alla sua cerchia ristretta.

Graziella Giangiulio