Berlino-Baku, tensioni per il Nagorno-Karabakh

81

AZERBAIJAN – Baku. 16/09/13. Continua a dividere gli animi il conflitto in Nagorno-Karabakh nell’Eurasia.  Oggi i media azerbaijani riportano l'”affronto tedesco”. Nei gironi scorsi infatti una delegazione teutonica si è recata nelle zone contese tra Armenia e Azerbaijan senza avere il consenso degli Azeri. Questo ha suscitato le ire di Baku. 

La testata Trend.az riportando i fatti ha detto che l’ambasciata dell’Azerbaijan in Germania ha riferito che secondo il Governo tedesco bisogna attuare la risoluzione del conflitto sul Nagorno- Karabakh del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e quindi, stupisce la visita tedesca nei territori occupati. 

In precedenza, su iniziativa della ambasciata, un appello è stato inviato al Bundestag tedesco in connessione con la visita “illegale” di Jurgen Klimke, deputato della Unione Democrazia Cristiana/ Unione Cristiano Sociale (CDU/CSU) nei territori occupati dell’Azerbaigian. CDU e CSU hanno confermato che Jurgen Klimke ha visitato l’Armenia e quindi senza il consenso dell’Azerbaijan ha visitato territori occupati dell’Azerbaigian e ha tenuto diversi incontri con i rappresentanti del regime separatista. Visita che Baku ha registrato come: «Questa visita illegale del Bundestag tedesco MP nei territori occupati dell’Azerbaigian è una provocazione diretta contro l’integrità territoriale dell’Azerbaigian e della sua sovranità». Si legge su Trendaz.

In risposta, l’Ambasciata dell’Azerbaigian in Germania ha inviato una lettera di protesta al MP chiedendo una spiegazione in relazione alla visita. Inoltre ha rivolto anche un appello alla Unione Democratica Cristiana/ Unione Cristiano-Sociale (CDU/CSU) frazione del Bundestag tedesco chiedendo di esprimere la propria posizione su questo tema.

La posizione del governo tedesco su conflitto del Nagorno- Karabakh tra Armenia e Azerbaijan è noto: il governo tedesco non riconosce né il cosiddetto regime in territorio azero, né i suoi rappresentanti.

L’ambasciata tedesca a Baku ha già fatto una dichiarazione sulla visita di Jurgen Klimke ai territori occupati dell’Azerbaigian ritenendola un passo sbagliato che dà un segnale sbagliato. 

Nel frattempo, il portavoce di politica estera di Christian Democratic Union/Unione Cristiano-Sociale (CDU / CSU) Philipp Missfelder ha inviato una lettera di risposta al ambasciatore azero in Germania Parviz Shahbazov, esprimendo la posizione della CDU/CSU sulla visita di Jurgen Klimke ai territori occupati dell’Azerbaigian. La visita era a carattere individuale e il politico non si è recato in quei luoghi a nome del Partito o del Parlamento tedesco. 

Inoltre Missfelder detto che CDU / CSU hanno fatto numerose dichiarazioni riportate dai media sul conflitto del Nagorno – Karabakh. Questa posizione richiede l’attuazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che purtroppo non sono state attuate finora.

Il conflitto tra i due paesi del Caucaso meridionale ha avuto inizio nel 1988, quando l’Armenia ha fatto rivendicazioni territoriali sull’Azerbaijan. Le forze armate armene, riporta Trend az, hanno occupato il 20 per cento dei territori dell’ Azerbaigian dal 1992, compresa la regione del Nagorno- Karabakh e sette distretti circostanti.

Azerbaigian e Armenia hanno firmato un accordo di cessate il fuoco nel 1994. I co-presidenti del Gruppo di Minsk dell’OSCE, la Russia, la Francia e gli Stati Uniti stanno portando avanti i negoziati di pace.