VENEZUELA. Oscurata la CNN in spagnolo

65

La Conatel, la Commissione delle telecomunicazioni del Venezuela ha lanciato nei giorni scorsi una «procedura di sanzione amministrativa» contro la “CNN en Español” accusandola di attaccare «la pace, la democrazia e la stabilità» del paese sudamericano.

La CNN en Español è stata oscurata dopo che ha trasmesso un servizio d’inchiesta sulla presunta vendita di passaporti venezuelani a cittadini del Medio Oriente.

Definendo le violazioni dell’emittente «sistematiche e ripetute» Conatel ha emesso un comunicato dicendo di aver ordinato l’«immediato oscuramento come misura preventiva».

Diversi operatori via cavo in Venezuela hanno quindi smesso di trasmettere la CNN en Español pochi minuti dopo che una parte della dichiarazione di Conatel è stata letta alla televisione di stato, Vtv, riporta El Dinamo.

Conatel ha detto che i contenuti trasmessi dalla rete sono un «attacco diretto contro la pace e la stabilità democratica» del Venezuela.

Inoltre, ha aggiunto che i suoi contenuti creano un «clima di intolleranza», dato che «senza prove» la rete diffama il Venezuela e distorce la verità.

Il ministro degli Esteri venezuelano Delcy Rodriguez aveva definito il servizio della Cnn una «menzogna assoluta», aggiungendo che la fonte indicata dalla Cnn, Misael Lopez, è un “criminale”.

«Il canale televisivo CNN in spagnolo ha iniziato una operazione di guerra psicologica, e di propaganda contro il nostro Paese (…) Tutto quello che sta passando in quel programma è una bugia assoluta», aveva detto il ministro degli Esteri aggiungendo che era «molto grave» il fatto che la Cnn, accusata di essere al «servizio delle agenzie politico-militari degli Stati Uniti», abbia trasmesso un servizio in cui si cercava di collegare il governo venezuelano con il «presunto traffico di passaporti per aiutare il terrorismo».

L’oscuramento della Cnn si aggiunge alla recente espulsione di due giornalisti brasiliani recentemente avvenuta.
Negli ultimi mesi il governo, infatti, ha dovuto affrontare la necessità di controllare anche ciò che viene detto al di fuori del Venezuela, perché questo finisce per avere ripercussioni interne.

Tommaso dal Passo